Obama e Camerun discutono di Medio Oriente

Il presidente americano Barack Obama, in visita al Parlamento inglese, ha sottolineato che l’influenza internazionale degli Stati Uniti e dell’Europa, non può essere messa in discussione, nemmeno dal crescente impegno dei paesi emergenti, quali Cina, India e Brasile. L’Europa e gli USA restano e resteranno dei punti di riferimento per il mondo. Si parla di […]

Print Friendly

Il presidente americano Barack Obama, in visita al Parlamento inglese, ha sottolineato che l’influenza internazionale degli Stati Uniti e dell’Europa, non può essere messa in discussione, nemmeno dal crescente impegno dei paesi emergenti, quali Cina, India e Brasile.

L’Europa e gli USA restano e resteranno dei punti di riferimento per il mondo.

Si parla di G8 alla conferenza stampa congiunta tra i due leader politici, che specificano che la “primavera araba” sarà motivo di discussione durante il vertice G8 che si terrà a Deauville e che prenderà in serio esame quello che sta accadendo nei paesi arabi. Appoggiare la democrazia che viene richiesta da queste popolazioni è solo un atto dovuto. Più democrazia ci sarà nel mondo, più il mondo sarà sicuro, lontano dalle guerre.

Su molti punti Obama e Cameron sono strettamente legati. Per entrambi Gheddafi deve lasciare il paese e permettere ad esso di governarsi in modo democratico. Con il leader libico non c’è possibilità di dialogo, non ci può essere la democrazia. Il suo regno è finito, adesso tocca ad una nuova generazione aiutare e governare il paese.

Un altro punto caldo è la questione israeliana-palestinese, della quale il presidente Obama non vede una soluzione reale andando a discutere la questione all’Onu, ma in un accordo fra le parti dove entrambi devono cedere a compromessi, altrimenti non sarà possibile portare la pace in quei territori. Ciò non toglie che uno stato Palestinese posso coesistere accanto ad uno stato Israeliano. Trattare è il solo modo per giungere ad un accordo, anche se moltissimi sono stufi di continuare a trattare su carta e vedersi rifiutare i propri diritti dopo anni.

Cameron, intanto ha aperto la conferenza congratulandosi con il predidente americano per la cattura e uccisione del pericolo numero 1 dei paesi sviluppati, Osama bin Laden, che ha fatto giustizia al popolo americano e che il terrorismo può essere sconfitto, lo ha dimostrato l’intelligence americano e la squadra che per anni ha cercato il terrorismo del mondo.

TC

Print Friendly

Il presidente americano Barack Obama, in visita al Parlamento inglese, ha sottolineato che l’influenza internazionale degli Stati Uniti e dell’Europa, non può essere messa in discussione, nemmeno dal crescente impegno dei paesi emergenti, quali Cina, India e Brasile.

L’Europa e gli USA restano e resteranno dei punti di riferimento per il mondo.

Si parla di G8 alla conferenza stampa congiunta tra i due leader politici, che specificano che la “primavera araba” sarà motivo di discussione durante il vertice G8 che si terrà a Deauville e che prenderà in serio esame quello che sta accadendo nei paesi arabi. Appoggiare la democrazia che viene richiesta da queste popolazioni è solo un atto dovuto. Più democrazia ci sarà nel mondo, più il mondo sarà sicuro, lontano dalle guerre.

Su molti punti Obama e Cameron sono strettamente legati. Per entrambi Gheddafi deve lasciare il paese e permettere ad esso di governarsi in modo democratico. Con il leader libico non c’è possibilità di dialogo, non ci può essere la democrazia. Il suo regno è finito, adesso tocca ad una nuova generazione aiutare e governare il paese.

Un altro punto caldo è la questione israeliana-palestinese, della quale il presidente Obama non vede una soluzione reale andando a discutere la questione all’Onu, ma in un accordo fra le parti dove entrambi devono cedere a compromessi, altrimenti non sarà possibile portare la pace in quei territori. Ciò non toglie che uno stato Palestinese posso coesistere accanto ad uno stato Israeliano. Trattare è il solo modo per giungere ad un accordo, anche se moltissimi sono stufi di continuare a trattare su carta e vedersi rifiutare i propri diritti dopo anni.

Cameron, intanto ha aperto la conferenza congratulandosi con il predidente americano per la cattura e uccisione del pericolo numero 1 dei paesi sviluppati, Osama bin Laden, che ha fatto giustizia al popolo americano e che il terrorismo può essere sconfitto, lo ha dimostrato l’intelligence americano e la squadra che per anni ha cercato il terrorismo del mondo.

TC

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>