Film più belli, Mr Beaver: non sempre nella vita andrà tutto bene

Se avete voglia di passare una serata ad analizzare voi stessi e ricordarvi dei momenti in cui avete avuto bisogno di uno scatto o dell’amore di chi avete attorno, vi consigliamo di vedere questo bellissimo film firmato da Jodie Foster. Si tratta di Mr Beaver che, secondo il nostro giudizi è uno dei film più […]

Print Friendly

mr-beaver

Se avete voglia di passare una serata ad analizzare voi stessi e ricordarvi dei momenti in cui avete avuto bisogno di uno scatto o dell’amore di chi avete attorno, vi consigliamo di vedere questo bellissimo film firmato da Jodie Foster. Si tratta di Mr Beaver che, secondo il nostro giudizi è uno dei film più belli da non perdere.

Andrà tutto bene? La risposta è “no”. Il passaggio più interessante di questo bellissimo film scritto e diretto da Jodie Foster si trova nel finale che, in qualche modo, ripercorre tutto il motivo e il senso stesso di una pellicola che vi terrà inchiodati alla poltrona. La vostra mente, invece, sarà libera di viaggiare a ritroso (come fa in alcuni punti il film) nei momenti della vostra vita in cui vi siete sentiti soli con un problema vostro che vi portate dietro dalla nascita, che avete ereditato o che vi è capitato d’improvviso; un momento in cui qualcuno guardandovi vi ha risposto “andrà tutto bene”. Walter Black (interpretato da Mel Gibson) a capo di una importante azienda di giocattoli, cade in una depressione che lo porta a perdere persino la parola, e ad impedirgli qualsiasi tipo di reazione. Una condizione che porta sui figlio più grande ad odiare il padre e la moglie ad allontanarlo dalla famiglia nel tentativo estremo di portarlo ad una qualche reazione.

Nei giorni in cui si trova da solo in un Motel, Walter scivola in camera e viene colpito in testa dalla televisione; al risveglio qualcosa è cambiato. Sul suo braccio destro c’è la buffa marionetta di un castoro che aveva raccolto tra i suoi ricordi d’infanzia, niente di strano se non fosse che, attraverso il castoro, Walter comincia a parlare a se stesso e trovare una inaspettata reazione che lo porterà a rientrare a casa e ritrovare successo sul lavoro fino a quando la situazione non gli…sfugge di mano!
Andrà tutto bene? La risposta è no, non andrà sempre tutto bene ma possiamo scegliere di non restare soli e circondarci di chi ci ama e cambiare il corso delle cose…

LA TRAMA DI MISTER BEAVER

Walter Black ha diretto con successo la sua industria di giocattoli e la sua famiglia fino a quando la depressione non lo colpisce gettandolo in un vortice che lo porta in uno stato di totale apatia e mutismo. La moglie (Jodie Foster) ha resistito finché ha potuto, poi è venuto per lei il momento di preservare i figli e spingerlo a cavarsela da solo. Sembrava che Walter non ce l’avrebbe fatta e invece, parlando tramite la marionetta di un castoro, ritrova la parola e il successo, e l’amore dei suoi figli. Ma è davvero Walter che parla, che agisce e reagisce?

Il nostro voto al film è 7,5

 

 

 

 

Print Friendly

Se avete voglia di passare una serata ad analizzare voi stessi e ricordarvi dei momenti in cui avete avuto bisogno di uno scatto o dell’amore di chi avete attorno, vi consigliamo di vedere questo bellissimo film firmato da Jodie Foster. Si tratta di Mr Beaver che, secondo il nostro giudizi è uno dei film più belli da non perdere.

Andrà tutto bene? La risposta è “no”. Il passaggio più interessante di questo bellissimo film scritto e diretto da Jodie Foster si trova nel finale che, in qualche modo, ripercorre tutto il motivo e il senso stesso di una pellicola che vi terrà inchiodati alla poltrona. La vostra mente, invece, sarà libera di viaggiare a ritroso (come fa in alcuni punti il film) nei momenti della vostra vita in cui vi siete sentiti soli con un problema vostro che vi portate dietro dalla nascita, che avete ereditato o che vi è capitato d’improvviso; un momento in cui qualcuno guardandovi vi ha risposto “andrà tutto bene”. Walter Black (interpretato da Mel Gibson) a capo di una importante azienda di giocattoli, cade in una depressione che lo porta a perdere persino la parola, e ad impedirgli qualsiasi tipo di reazione. Una condizione che porta sui figlio più grande ad odiare il padre e la moglie ad allontanarlo dalla famiglia nel tentativo estremo di portarlo ad una qualche reazione.

Nei giorni in cui si trova da solo in un Motel, Walter scivola in camera e viene colpito in testa dalla televisione; al risveglio qualcosa è cambiato. Sul suo braccio destro c’è la buffa marionetta di un castoro che aveva raccolto tra i suoi ricordi d’infanzia, niente di strano se non fosse che, attraverso il castoro, Walter comincia a parlare a se stesso e trovare una inaspettata reazione che lo porterà a rientrare a casa e ritrovare successo sul lavoro fino a quando la situazione non gli…sfugge di mano!
Andrà tutto bene? La risposta è no, non andrà sempre tutto bene ma possiamo scegliere di non restare soli e circondarci di chi ci ama e cambiare il corso delle cose…

LA TRAMA DI MISTER BEAVER

Walter Black ha diretto con successo la sua industria di giocattoli e la sua famiglia fino a quando la depressione non lo colpisce gettandolo in un vortice che lo porta in uno stato di totale apatia e mutismo. La moglie (Jodie Foster) ha resistito finché ha potuto, poi è venuto per lei il momento di preservare i figli e spingerlo a cavarsela da solo. Sembrava che Walter non ce l’avrebbe fatta e invece, parlando tramite la marionetta di un castoro, ritrova la parola e il successo, e l’amore dei suoi figli. Ma è davvero Walter che parla, che agisce e reagisce?

Il nostro voto al film è 7,5

 

 

 

 

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>