Angelina in cucina: la nostra nuova rubrica dedicata al mondo delle ricette

Angelina in cucina è la nostra nuova rubrica curata da una simpaticissima ragazza. Angelina da Londra ci darà tanti buoni consigli per preparare dei piatti gustosissimi!

Print Friendly

Inizia oggi una nuova rubrica che sarà curata da una briosissima ragazza, Angelina. La rubrica sarà proprio Angelina  in cucina che prende il suo nome. Angelina ci darà delle ricette e non solo, anche molti consigli per conoscere l’ampio mondo culinario. Vi lasciamo alla sua ricetta e alla sua presentazione, senza aggiungere altro.

“Ciao a tutti, mi chiamo Angelina, ho 32 anni e vivo a Londra. Inizio col precisare che non sono una cuoca professionista ma “passionista”, cioè per passione, come tanti di voi. Non sto a dirvi quanto mi piace mangiare e provare ristoranti sempre nuovi, perchè dovrei scrivere un libro a parte solo su questo argomento!”.

Questa settimana inizio con il postarvi forse una delle ricette a me più care, la torta di ricotta di Nonna Lina. Questa è una di quelle classiche ricette che tante delle nostre nonne ci tramandano di generazione in generazione, per non farci perdere il ricordo di quei gusti che hanno accompagnato la nostra infanzia, soprattutto durante i pranzi domenicali, quelli diciamo, un po più sostanziosi, dove ci possiamo permettere qualche peccato di gola in più (non è il mio caso, io pecco di gola tutta la settimana! )Questa ricetta è molto facile, e si presta a mille varianti.

La torta di ricotta di Nonna Lina

Per la base servono all’incirca 250 gr di biscotti secchi, a vostro piacimento. Mia nonna nella sua ricetta originale usava mettere savoiardi sbriciolati fini col mixer. Io invece ho apportato una variante, e cioè uso i biscotti “Macine” del Mulino Bianco, che si prestano benissimo, sempre tritati col mixer, fino ad ottenere una specie di “sabbia di biscotto”, come quella che otteniamo quando facciamo la base di una cheesecake. Poi prendiamo una teglia rettangolare non troppo grossa, diciamo 30×20 all’incirca (ma va bene anche una tortiera tonda di silicone di una ventina di cm circa) e la copriamo con carta da forno precedentemente bagnata e strizzata alla perfezione. Dopodichè adagiamo il composto “sabbioso” sul fondo della tortiera e creiamo la nostra base.

Procediamo con la preparazione del composto. Devo dire che io nelle mie ricette vado molto “ad occhio” ma provo lo stesso a darvi quelle che sono le dosi esatte per la farcitura.

Ingredienti: servono 500 grammi di ricotta di pecora (ma va benissimo anche quella di mucca), 300 grammi di zucchero semolato, 3 uova giganti oppure 4 di quelle medie.

Ora, arrivati a questo punto potete sbizzarrirvi, poichè potete inserire nel composto quello che volete: volete una torta che sappia di arancia? Benissimo, grattuggiate la buccia di un’arancia e amalgamate il succo all’interno del composto. Stessa cosa vale se la volete al limone. Mentre se preferite che abbia un sapore di vaniglia aprite una bacca di vaniglia e tiratene fuori i semini, aggiungeteli poi al composto. Volete che il composto sappia di caffè? Bene, aggiungete una tazzina di caffè ristretto, fatta precedentemente raffreddare. La ricetta originale di mia nonna prevedeva pezzetti di agrumi canditi e gocce di cioccolato. Quindi regolatevi voi. Mischiate semplicemente tutto assieme magari aiutandovi con una frusta elettrica, ma non il mixer, farebbe diventare il tutto una poltiglia. Fatto questo, se il composto che avete ottenuto vi sembra troppo liquido, aggiungete un po della “sabbia di biscotto” che abbiamo usato all’inizio per fare la nostra base. Mettete poi il composto ottenuto nella tortiera e ricopritelo con altri 200 grammi di biscotti sbriciolati nel mixer. Mettete in forno per mezz’ora a 180 gradi, forno statico, et voilà! La vostra torta sarà pronta. Ah! Mi raccomando, quando la mangerete, tenetene un pezzetto anche per me!

Buona domenica a tutti e…..buona cucina!

Angelina

questa è la foto del dolce:

 

Print Friendly

Inizia oggi una nuova rubrica che sarà curata da una briosissima ragazza, Angelina. La rubrica sarà proprio Angelina  in cucina che prende il suo nome. Angelina ci darà delle ricette e non solo, anche molti consigli per conoscere l’ampio mondo culinario. Vi lasciamo alla sua ricetta e alla sua presentazione, senza aggiungere altro.

“Ciao a tutti, mi chiamo Angelina, ho 32 anni e vivo a Londra. Inizio col precisare che non sono una cuoca professionista ma “passionista”, cioè per passione, come tanti di voi. Non sto a dirvi quanto mi piace mangiare e provare ristoranti sempre nuovi, perchè dovrei scrivere un libro a parte solo su questo argomento!”.

Questa settimana inizio con il postarvi forse una delle ricette a me più care, la torta di ricotta di Nonna Lina. Questa è una di quelle classiche ricette che tante delle nostre nonne ci tramandano di generazione in generazione, per non farci perdere il ricordo di quei gusti che hanno accompagnato la nostra infanzia, soprattutto durante i pranzi domenicali, quelli diciamo, un po più sostanziosi, dove ci possiamo permettere qualche peccato di gola in più (non è il mio caso, io pecco di gola tutta la settimana! )Questa ricetta è molto facile, e si presta a mille varianti.

La torta di ricotta di Nonna Lina

Per la base servono all’incirca 250 gr di biscotti secchi, a vostro piacimento. Mia nonna nella sua ricetta originale usava mettere savoiardi sbriciolati fini col mixer. Io invece ho apportato una variante, e cioè uso i biscotti “Macine” del Mulino Bianco, che si prestano benissimo, sempre tritati col mixer, fino ad ottenere una specie di “sabbia di biscotto”, come quella che otteniamo quando facciamo la base di una cheesecake. Poi prendiamo una teglia rettangolare non troppo grossa, diciamo 30×20 all’incirca (ma va bene anche una tortiera tonda di silicone di una ventina di cm circa) e la copriamo con carta da forno precedentemente bagnata e strizzata alla perfezione. Dopodichè adagiamo il composto “sabbioso” sul fondo della tortiera e creiamo la nostra base.

Procediamo con la preparazione del composto. Devo dire che io nelle mie ricette vado molto “ad occhio” ma provo lo stesso a darvi quelle che sono le dosi esatte per la farcitura.

Ingredienti: servono 500 grammi di ricotta di pecora (ma va benissimo anche quella di mucca), 300 grammi di zucchero semolato, 3 uova giganti oppure 4 di quelle medie.

Ora, arrivati a questo punto potete sbizzarrirvi, poichè potete inserire nel composto quello che volete: volete una torta che sappia di arancia? Benissimo, grattuggiate la buccia di un’arancia e amalgamate il succo all’interno del composto. Stessa cosa vale se la volete al limone. Mentre se preferite che abbia un sapore di vaniglia aprite una bacca di vaniglia e tiratene fuori i semini, aggiungeteli poi al composto. Volete che il composto sappia di caffè? Bene, aggiungete una tazzina di caffè ristretto, fatta precedentemente raffreddare. La ricetta originale di mia nonna prevedeva pezzetti di agrumi canditi e gocce di cioccolato. Quindi regolatevi voi. Mischiate semplicemente tutto assieme magari aiutandovi con una frusta elettrica, ma non il mixer, farebbe diventare il tutto una poltiglia. Fatto questo, se il composto che avete ottenuto vi sembra troppo liquido, aggiungete un po della “sabbia di biscotto” che abbiamo usato all’inizio per fare la nostra base. Mettete poi il composto ottenuto nella tortiera e ricopritelo con altri 200 grammi di biscotti sbriciolati nel mixer. Mettete in forno per mezz’ora a 180 gradi, forno statico, et voilà! La vostra torta sarà pronta. Ah! Mi raccomando, quando la mangerete, tenetene un pezzetto anche per me!

Buona domenica a tutti e…..buona cucina!

Angelina

questa è la foto del dolce:

 

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>