La Grecia sceglie i conservatori: Euro salvo

C’era davvero tantissima attesa per le elezioni in Grecia: da ieri tutta l’Europa tira un sospiro di sollievo grazie alla scelta fatta dagli elettori greci. A vincere è il partito conservatore ma anche l’Euro: la paura che la vittoria potesse andare al partito antieuropeo passa e porta via anche il timore del resto del continente. […]

Print Friendly

elezioni grecia

C’era davvero tantissima attesa per le elezioni in Grecia: da ieri tutta l’Europa tira un sospiro di sollievo grazie alla scelta fatta dagli elettori greci. A vincere è il partito conservatore ma anche l’Euro: la paura che la vittoria potesse andare al partito antieuropeo passa e porta via anche il timore del resto del continente. I risultati delle elezioni in Grecia ci dicono che Nea Dimokratia è il primo partito del Paese, grazie a un numero di preferenze che superano il 30%; alla sinistra radicale va il 26% mentre per i socialisti del Pasok le preferenze si fermano al 12%. Ecco le parole dei vincitori.

Elezioni in Grecia: vincono i conservatori e vince l’Euro

“Oggi i greci hanno scelto di restare legati all’Europa. Questa e’ una vittoria per tutta l’Europa” sono queste le prime dichiarazioni di Samaras il leader del partito conservatore greco. Continua: “Chiedo a tutti i partiti che hanno lo stesso obiettivo, tenere la Grecia in Europa, di unirsi per formare un governo solido”. Non si può fare a meno di parlare della crisi che affligge lo stato: “Siamo pronti a rispettare tutti gli impegni presi” queste le parole di Samaras subito dopo le elezioni di ieri.

Questi i risultati nel dettaglio:

- Nuova democrazia (conservatori): 29,66% pari a 129 seggi;
- Syriza (sinistra radicale): 26,89%, pari a 71 seggi;
- Pasok (socialisti): 12,28% pari a 33 seggi;
- Greci Indipendenti (destra nazionalista): 7,51%, pari a 20 seggi;
- Alba dorata (neonazisti): 6,92%, pari a 18 seggi;
- Sinistra democratica (Dimar): 6,25%, pari a 17 seggi;
- KKE (comunisti): 4,5%, pari a 12 seggi.

Buona la risposta delle Borse che reagiscono bene alla notizia dalla Grecia. Vedremo come chiuderà la giornata.

Print Friendly

C’era davvero tantissima attesa per le elezioni in Grecia: da ieri tutta l’Europa tira un sospiro di sollievo grazie alla scelta fatta dagli elettori greci. A vincere è il partito conservatore ma anche l’Euro: la paura che la vittoria potesse andare al partito antieuropeo passa e porta via anche il timore del resto del continente. I risultati delle elezioni in Grecia ci dicono che Nea Dimokratia è il primo partito del Paese, grazie a un numero di preferenze che superano il 30%; alla sinistra radicale va il 26% mentre per i socialisti del Pasok le preferenze si fermano al 12%. Ecco le parole dei vincitori.

Elezioni in Grecia: vincono i conservatori e vince l’Euro

“Oggi i greci hanno scelto di restare legati all’Europa. Questa e’ una vittoria per tutta l’Europa” sono queste le prime dichiarazioni di Samaras il leader del partito conservatore greco. Continua: “Chiedo a tutti i partiti che hanno lo stesso obiettivo, tenere la Grecia in Europa, di unirsi per formare un governo solido”. Non si può fare a meno di parlare della crisi che affligge lo stato: “Siamo pronti a rispettare tutti gli impegni presi” queste le parole di Samaras subito dopo le elezioni di ieri.

Questi i risultati nel dettaglio:

- Nuova democrazia (conservatori): 29,66% pari a 129 seggi;
- Syriza (sinistra radicale): 26,89%, pari a 71 seggi;
- Pasok (socialisti): 12,28% pari a 33 seggi;
- Greci Indipendenti (destra nazionalista): 7,51%, pari a 20 seggi;
- Alba dorata (neonazisti): 6,92%, pari a 18 seggi;
- Sinistra democratica (Dimar): 6,25%, pari a 17 seggi;
- KKE (comunisti): 4,5%, pari a 12 seggi.

Buona la risposta delle Borse che reagiscono bene alla notizia dalla Grecia. Vedremo come chiuderà la giornata.

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>