Tutti pazzi per i Coupon: anche in Italia è possibile risparmiare

Intervista esclusiva a uno dei fondatori del sito www.coupongratuiti.com che ci spiega come risparmiare sulla spesa in Italia.

Print Friendly

Coupon Gratuiti

Alzi la mano chi non è rimasto, almeno una volta, a bocca aperta vedendo “Pazzi per la Spesa”, la serie tv americana in onda su Real Time, Canale 31 del digitale terrestre. Ma come fanno, i protagonisti delle puntate, a fare tonnellate di spesa e spendere solo pochi dollari? Semplice, con i coupon. Ma possiamo farlo anche in Italia? La risposta è… sì! Noi siamo andati a fondo e siamo venuti a conoscenza di un sito tutto Italiano, gestito da tre giovani 28enni, che offre coupon gratuiti per risparmiare, proprio come accade negli Stati Uniti. Oggi intervistiamo Andrea Bertolotti, uno dei fondatori del sito Coupongratuiti.com e della pagina Facebook. Vediamo come funziona e come è possibile risparmiare anche in Italia, utilizzando i coupon. Ecco la nostra intervista esclusiva ad Andrea Bertolotti:

 

1. Ciao Andrea, Coupongratuiti.com è un sito di coupon che arriva in Italia proprio mentre tutte le casalinghe vanno letteralmente “in escandescenza” grazie a “Pazzi per la Spesa”, il noto programma di Real Time. Quanto ha influenzato questa serie tv sulla realizzazione del vostro sito?

Se vi confidassimo che prima questo programma non lo conoscevamo, ci credereste? A dire il vero guardiamo molto poco la televisione,  perchè la maggior parte del nostro tempo la passiamo al computer per il lavoro e nel tempo libero con amici. Pazzi per la spesa è stata una coincidenza,  anche fortunata, perchè l’abbiamo conosciuto grazie al nostro sito. Quando veniva trasmessa la trasmissione,  in quel lasso di tempo ci accorgevamo di avere un boom di visite inaspettato, arrivando in pochissimi minuti sopra le 2’000 visite e ci chiedevamo com’era possibile. Da lì abbiamo capito che riguardava proprio il programma televisivo e abbiamo iniziato a guardarlo anche noi.  Non perdiamo una puntata. Il programma non ha influenzato la realizzazione del nostro sito perchè era già impostato nello standard dei coupon americani. A volte inviamo un messaggio dalla nostra pagina Facebook avvisando che sta per iniziare il programma, perchè ci piace. Non nascondiamo che nutriamo una certa invidia nei confronti del sistema di “couponaggio” americano, sarebbe un sogno avere quel sistema anche in Italia. Con coupongratuiti.com stiamo provando a cambiare un po’ le cose.

 

2. A differenza di tutti gli altri siti di Coupon, voi offrite coupon gratuiti, ovvero per ottenere gli sconti desiderati il consumatore non deve spendere nemmeno un euro. Ci raccontate com’è possibile “regalare” i coupon?

Noi abbiamo deciso di dare un servizio più coerente con il vero significato della parola “coupon” (coupon = cedola, buono, tagliando, talloncino). Nell’ultimo periodo la parola coupon viene associata ad altro. Ora tutti pensano che i coupon sono a pagamento, confondendoli con i “deals”. Complici i molti siti internet che proponendo deals hanno utilizzato impropriamente la parola coupon. Il vero coupon è quello che si trova sui giornali da ritagliare, nei siti  da stampare e presentare, ovvero il classico cedolino che una volta ritagliato lo si presenta presso l’attività per avere lo sconto. E’ possibile regalare i coupon grazie alla nostra politica concordata con le aziende per aumentarne la visibilità delle aziende che lo offrono,  l’utilizzo più semplificato per l’utente e  la facilità di diffondersi. Inoltre i coupon che noi creiamo possono essere messi anche sui banconi dei bar o negozi, diventando così un vero e proprio biglietto da visita per l’azienda che pubblicizza lo sconto, con il vantaggio che è utilizzabile per ottenere nuovi clienti.

3. Nel giro di pochissimo tempo avete raggiunto dei numeri da capogiro tra iscrizioni, visite sul sito e fan su Facebook. Cos’è, secondo voi, che spinge la gente a iscriversi sul vostro sito? Cosa desidera il consumatore oggi?

Rispondendo alla seconda domanda la risposta è molto semplice: quello che desidera il consumatore è quello che desideriamo anche noi creatori del sito (complici i vari problemi economici e la crisi), cioè il risparmio. Se è possibile risparmiare su qualsiasi prodotto e conosciamo un sito che ci regala questa possibilità lo utilizziamo, piuttosto di spendere più soldi senza avere il coupon, sopratutto se è completamente gratuito. Spendere anche il 10% in meno è già un piccolo risparmio e permette di tenere da parte i soldi per qualcos’altro. Come dice una famosa frase “ogni centesimo risparmiato è un centesimo guadagnato”. La motivazione principale che spinge la gente a iscriversi al nostro sito è sempre il risparmio ma vogliamo che in nostri utenti capiscano anche che, dietro ad ogni coupon pubblicato, ad ogni nuova iniziativa, ad ogni nuova pagina pubblicata, c’è dietro un lavoro molto duro di persone che lavorano anche 15 ore al giorno per portare avanti un progetto con idee e principi sani. La nostra politica è di essere il più vicino a tutti i nostri utenti per una collaborazione reciproca per crescere (molti ci segnalano aziende della propria città), con la massima trasparenza.

4. Su internet ci sono molti link che fanno riferimento a  “Pazzi per la Spesa”. In alcuni di questi si specifica il perché in Italia non può accadere quello che accade negli Usa: prima di tutto in America i prezzi per beni della persona e alimenti sono più bassi rispetto ai nostri, e poi nel nostro Bel Paese non è possibile avere sconti che siano cumulabili. L’offerta la deve fare il Supermercato oppure il brand in determinati Supermercati. Credete che questa situazione possa cambiare e arrivare ad avere coupon cumulabili come accade nella nota serie tv? Come?

In America hanno una politica di promozione molto diversa in confronto l’Italia ed  è avanti di molti anni. Sicuramente, quando si vedono spese con un risparmio del 99%, le aziende non ci perdono e utilizzano dei fondi di pubblicità che in Italia usano in altro modo (per esempio tramite volantini di offerte o tv), per investirle sui coupon, sapendo che chi avrà in mano il coupon sarà, con una percentuale molto alta, un nuovo cliente. Negli Usa sono sia i supermercati, sia i brand, che insieme fanno sconti cumulabili. Ma i brand, se notiamo  anche in “tutti pazzi per la spesa”, sono per la maggior parte aziende  estere (anche italiane), che per entrare prepotentemente nel commercio estero si pubblicizzano in questo modo. Crediamo che possa avvicinarsi al marketing estero?Crediamo che questo sistema di promozione di “couponaggio” in stile americano potrà arrivare anche qui da noi ma non subito. Ci vorrà ancora tempo, la mentalità degli italiani sta cambiando molto rapidamente e nascono gruppi e pagine che contattano in massa le aziende chiedendo di pubblicizzarsi con i coupon e secondo noi, le prime catene e aziende di alimentari per supermercati che lo faranno, avranno un grande boom. Tutto sta alle aziende evolversi e cambiare la mentalità di marketing. Facciamo solo un esempio, quante volte riceviamo dei volantini delle offerte nella posta? Quante volte questi volantini finiscono subito nel cestino? Se fossero stati dei coupon avrebbero fatto la stessa fine? Non crediamo. Ma sarà difficile che le stesse aziende italiane faranno molti coupon in Italia, visto che sono già conosciute, è più probabile che siano proprio quelle estere a iniziare seriamente.

5. Capovolgiamo lo sguardo: sappiamo quanto è importante per il consumatore poter fare affidamento su un sito come il vostro. Ma le aziende, secondo voi, perché dovrebbero rivolgersi a voi piuttosto che “far comprare” i buoni sconto? Qual è la vera opportunità? I buoni sconto gratuiti hanno una maggiore visibilità virale, ovvero, tutti li possono avere, tutti possono regalarli agli amici e parenti e non c’è l’impedimento di dover avere una carta di credito obbligatoria. Come fatto nell’esempio precedente, i nostri coupon possono essere anche messi nei negozi o bar al posto dei biglietti da visita e aumenta notevolmente la pubblicità, non solo su internet. Possiamo creare anche coupon con matrice, coupon con codice a barre e coupon nominali, ma questo a richiesta dell’azienda. Un altro vantaggio per l’azienda è che gestisce direttamente i clienti, avendo un contatto immediato e senza intermediari. Noi offriamo uno spazio web per far conoscere le aziende che vogliono creare sconti agli utenti e con clienti mirati. Le ditte non hanno l’obbligatorietà di fare sconti con “paletti” imposti da noi, ogni azienda è libera di fare dall’1 al 90% di sconto e per ogni cliente acquisito non prendiamo nessuna percentuale, perciò lo sconto è reale. Di conseguenza se l’azienda fa una promozione del 50%, il 50% rimanente è tutto di ricavato per l’attività. Al contrario di molti siti di coupon a pagamento che ogni vendita effettuata si prende una percentuale. Ultima cosa e non da meno, siamo il portale più visibile su internet per i coupon, tanto è vero che cercando dal principale motore di ricerca, google.it, la parola “ coupon “ siamo nei primi posti e questo garantisce una notevole visibilità a tutte le aziende.

6. Allarghiamo ancora di più le nostre prospettive: una volta capito l’importanza dei coupon per il consumatore e per l’azienda, non possiamo che constatare la nota logica win-win scritta su tutti i libri di Marketing. Ma perché il cerchio si chiuda, rimane un quesito: perché avere un sito del genere conviene “ai due soci Andrea” ? Dal momento che i coupon sono gratuiti, com’è possibile guadagnare per voi? Da poco siamo in tre, è subentrato un’altra persona, un programmatore molto in gamba, Luca, più alcune persone che ringraziamo per il sostegno che ogni giorno ci danno. La nostra età media è di 27 anni. Siamo una start up molto giovane e attualmente il nostro guadagno è pari a 0,  avendo investito i nostri guadagni per attuare idee di marketing. Se vogliamo pubblicizzare delle aziende dobbiamo assicurarci di avere capacità di pubblicizzarle realmente. Il nostro guadagno è sulla pubblicazione delle aziende. Quando un’azienda si affida a noi paga solo la messa online e l’elaborazione grafica del coupon, con costi veramente bassi. La nostra politica, come detto, è la massima trasparenza e chiunque, che siano utenti o aziende, possono fin da subito vedere quanto costa dal nostro sito. Il prezzo basso è dovuto dal fatto che puntiamo sulla quantità per offrire più coupon possibili in ogni parte d’Italia e di qualsiasi genere. Infatti ci sono anche elettricisti, tuttofare, piccoli e-commerce, aziende giovani o attività che, con altri mezzi pubblicitari, farebbero fatica a farsi conoscere a migliaia di persone in poco tempo, nonostante abbiano ottimi prodotti. Il puntare sulla quantità però non significa pubblicizzare qualsiasi tipo di azienda che non dia un servizio serio. Gli utenti ci danno dei feedback, se un’azienda tratta male i nostri utenti ne riguarderemo per pubblicizzarla nuovamente. Preferiamo dare un servizio a basso prezzo, ma che sia reale e davvero vantaggioso sia per gli utenti, sia per le aziende.

Sara Moretti

Print Friendly

Alzi la mano chi non è rimasto, almeno una volta, a bocca aperta vedendo “Pazzi per la Spesa”, la serie tv americana in onda su Real Time, Canale 31 del digitale terrestre. Ma come fanno, i protagonisti delle puntate, a fare tonnellate di spesa e spendere solo pochi dollari? Semplice, con i coupon. Ma possiamo farlo anche in Italia? La risposta è… sì! Noi siamo andati a fondo e siamo venuti a conoscenza di un sito tutto Italiano, gestito da tre giovani 28enni, che offre coupon gratuiti per risparmiare, proprio come accade negli Stati Uniti. Oggi intervistiamo Andrea Bertolotti, uno dei fondatori del sito Coupongratuiti.com e della pagina Facebook. Vediamo come funziona e come è possibile risparmiare anche in Italia, utilizzando i coupon. Ecco la nostra intervista esclusiva ad Andrea Bertolotti:

 

1. Ciao Andrea, Coupongratuiti.com è un sito di coupon che arriva in Italia proprio mentre tutte le casalinghe vanno letteralmente “in escandescenza” grazie a “Pazzi per la Spesa”, il noto programma di Real Time. Quanto ha influenzato questa serie tv sulla realizzazione del vostro sito?

Se vi confidassimo che prima questo programma non lo conoscevamo, ci credereste? A dire il vero guardiamo molto poco la televisione,  perchè la maggior parte del nostro tempo la passiamo al computer per il lavoro e nel tempo libero con amici. Pazzi per la spesa è stata una coincidenza,  anche fortunata, perchè l’abbiamo conosciuto grazie al nostro sito. Quando veniva trasmessa la trasmissione,  in quel lasso di tempo ci accorgevamo di avere un boom di visite inaspettato, arrivando in pochissimi minuti sopra le 2’000 visite e ci chiedevamo com’era possibile. Da lì abbiamo capito che riguardava proprio il programma televisivo e abbiamo iniziato a guardarlo anche noi.  Non perdiamo una puntata. Il programma non ha influenzato la realizzazione del nostro sito perchè era già impostato nello standard dei coupon americani. A volte inviamo un messaggio dalla nostra pagina Facebook avvisando che sta per iniziare il programma, perchè ci piace. Non nascondiamo che nutriamo una certa invidia nei confronti del sistema di “couponaggio” americano, sarebbe un sogno avere quel sistema anche in Italia. Con coupongratuiti.com stiamo provando a cambiare un po’ le cose.

 

2. A differenza di tutti gli altri siti di Coupon, voi offrite coupon gratuiti, ovvero per ottenere gli sconti desiderati il consumatore non deve spendere nemmeno un euro. Ci raccontate com’è possibile “regalare” i coupon?

Noi abbiamo deciso di dare un servizio più coerente con il vero significato della parola “coupon” (coupon = cedola, buono, tagliando, talloncino). Nell’ultimo periodo la parola coupon viene associata ad altro. Ora tutti pensano che i coupon sono a pagamento, confondendoli con i “deals”. Complici i molti siti internet che proponendo deals hanno utilizzato impropriamente la parola coupon. Il vero coupon è quello che si trova sui giornali da ritagliare, nei siti  da stampare e presentare, ovvero il classico cedolino che una volta ritagliato lo si presenta presso l’attività per avere lo sconto. E’ possibile regalare i coupon grazie alla nostra politica concordata con le aziende per aumentarne la visibilità delle aziende che lo offrono,  l’utilizzo più semplificato per l’utente e  la facilità di diffondersi. Inoltre i coupon che noi creiamo possono essere messi anche sui banconi dei bar o negozi, diventando così un vero e proprio biglietto da visita per l’azienda che pubblicizza lo sconto, con il vantaggio che è utilizzabile per ottenere nuovi clienti.

3. Nel giro di pochissimo tempo avete raggiunto dei numeri da capogiro tra iscrizioni, visite sul sito e fan su Facebook. Cos’è, secondo voi, che spinge la gente a iscriversi sul vostro sito? Cosa desidera il consumatore oggi?

Rispondendo alla seconda domanda la risposta è molto semplice: quello che desidera il consumatore è quello che desideriamo anche noi creatori del sito (complici i vari problemi economici e la crisi), cioè il risparmio. Se è possibile risparmiare su qualsiasi prodotto e conosciamo un sito che ci regala questa possibilità lo utilizziamo, piuttosto di spendere più soldi senza avere il coupon, sopratutto se è completamente gratuito. Spendere anche il 10% in meno è già un piccolo risparmio e permette di tenere da parte i soldi per qualcos’altro. Come dice una famosa frase “ogni centesimo risparmiato è un centesimo guadagnato”. La motivazione principale che spinge la gente a iscriversi al nostro sito è sempre il risparmio ma vogliamo che in nostri utenti capiscano anche che, dietro ad ogni coupon pubblicato, ad ogni nuova iniziativa, ad ogni nuova pagina pubblicata, c’è dietro un lavoro molto duro di persone che lavorano anche 15 ore al giorno per portare avanti un progetto con idee e principi sani. La nostra politica è di essere il più vicino a tutti i nostri utenti per una collaborazione reciproca per crescere (molti ci segnalano aziende della propria città), con la massima trasparenza.

4. Su internet ci sono molti link che fanno riferimento a  “Pazzi per la Spesa”. In alcuni di questi si specifica il perché in Italia non può accadere quello che accade negli Usa: prima di tutto in America i prezzi per beni della persona e alimenti sono più bassi rispetto ai nostri, e poi nel nostro Bel Paese non è possibile avere sconti che siano cumulabili. L’offerta la deve fare il Supermercato oppure il brand in determinati Supermercati. Credete che questa situazione possa cambiare e arrivare ad avere coupon cumulabili come accade nella nota serie tv? Come?

In America hanno una politica di promozione molto diversa in confronto l’Italia ed  è avanti di molti anni. Sicuramente, quando si vedono spese con un risparmio del 99%, le aziende non ci perdono e utilizzano dei fondi di pubblicità che in Italia usano in altro modo (per esempio tramite volantini di offerte o tv), per investirle sui coupon, sapendo che chi avrà in mano il coupon sarà, con una percentuale molto alta, un nuovo cliente. Negli Usa sono sia i supermercati, sia i brand, che insieme fanno sconti cumulabili. Ma i brand, se notiamo  anche in “tutti pazzi per la spesa”, sono per la maggior parte aziende  estere (anche italiane), che per entrare prepotentemente nel commercio estero si pubblicizzano in questo modo. Crediamo che possa avvicinarsi al marketing estero?Crediamo che questo sistema di promozione di “couponaggio” in stile americano potrà arrivare anche qui da noi ma non subito. Ci vorrà ancora tempo, la mentalità degli italiani sta cambiando molto rapidamente e nascono gruppi e pagine che contattano in massa le aziende chiedendo di pubblicizzarsi con i coupon e secondo noi, le prime catene e aziende di alimentari per supermercati che lo faranno, avranno un grande boom. Tutto sta alle aziende evolversi e cambiare la mentalità di marketing. Facciamo solo un esempio, quante volte riceviamo dei volantini delle offerte nella posta? Quante volte questi volantini finiscono subito nel cestino? Se fossero stati dei coupon avrebbero fatto la stessa fine? Non crediamo. Ma sarà difficile che le stesse aziende italiane faranno molti coupon in Italia, visto che sono già conosciute, è più probabile che siano proprio quelle estere a iniziare seriamente.

5. Capovolgiamo lo sguardo: sappiamo quanto è importante per il consumatore poter fare affidamento su un sito come il vostro. Ma le aziende, secondo voi, perché dovrebbero rivolgersi a voi piuttosto che “far comprare” i buoni sconto? Qual è la vera opportunità? I buoni sconto gratuiti hanno una maggiore visibilità virale, ovvero, tutti li possono avere, tutti possono regalarli agli amici e parenti e non c’è l’impedimento di dover avere una carta di credito obbligatoria. Come fatto nell’esempio precedente, i nostri coupon possono essere anche messi nei negozi o bar al posto dei biglietti da visita e aumenta notevolmente la pubblicità, non solo su internet. Possiamo creare anche coupon con matrice, coupon con codice a barre e coupon nominali, ma questo a richiesta dell’azienda. Un altro vantaggio per l’azienda è che gestisce direttamente i clienti, avendo un contatto immediato e senza intermediari. Noi offriamo uno spazio web per far conoscere le aziende che vogliono creare sconti agli utenti e con clienti mirati. Le ditte non hanno l’obbligatorietà di fare sconti con “paletti” imposti da noi, ogni azienda è libera di fare dall’1 al 90% di sconto e per ogni cliente acquisito non prendiamo nessuna percentuale, perciò lo sconto è reale. Di conseguenza se l’azienda fa una promozione del 50%, il 50% rimanente è tutto di ricavato per l’attività. Al contrario di molti siti di coupon a pagamento che ogni vendita effettuata si prende una percentuale. Ultima cosa e non da meno, siamo il portale più visibile su internet per i coupon, tanto è vero che cercando dal principale motore di ricerca, google.it, la parola “ coupon “ siamo nei primi posti e questo garantisce una notevole visibilità a tutte le aziende.

6. Allarghiamo ancora di più le nostre prospettive: una volta capito l’importanza dei coupon per il consumatore e per l’azienda, non possiamo che constatare la nota logica win-win scritta su tutti i libri di Marketing. Ma perché il cerchio si chiuda, rimane un quesito: perché avere un sito del genere conviene “ai due soci Andrea” ? Dal momento che i coupon sono gratuiti, com’è possibile guadagnare per voi? Da poco siamo in tre, è subentrato un’altra persona, un programmatore molto in gamba, Luca, più alcune persone che ringraziamo per il sostegno che ogni giorno ci danno. La nostra età media è di 27 anni. Siamo una start up molto giovane e attualmente il nostro guadagno è pari a 0,  avendo investito i nostri guadagni per attuare idee di marketing. Se vogliamo pubblicizzare delle aziende dobbiamo assicurarci di avere capacità di pubblicizzarle realmente. Il nostro guadagno è sulla pubblicazione delle aziende. Quando un’azienda si affida a noi paga solo la messa online e l’elaborazione grafica del coupon, con costi veramente bassi. La nostra politica, come detto, è la massima trasparenza e chiunque, che siano utenti o aziende, possono fin da subito vedere quanto costa dal nostro sito. Il prezzo basso è dovuto dal fatto che puntiamo sulla quantità per offrire più coupon possibili in ogni parte d’Italia e di qualsiasi genere. Infatti ci sono anche elettricisti, tuttofare, piccoli e-commerce, aziende giovani o attività che, con altri mezzi pubblicitari, farebbero fatica a farsi conoscere a migliaia di persone in poco tempo, nonostante abbiano ottimi prodotti. Il puntare sulla quantità però non significa pubblicizzare qualsiasi tipo di azienda che non dia un servizio serio. Gli utenti ci danno dei feedback, se un’azienda tratta male i nostri utenti ne riguarderemo per pubblicizzarla nuovamente. Preferiamo dare un servizio a basso prezzo, ma che sia reale e davvero vantaggioso sia per gli utenti, sia per le aziende.

Sara Moretti

Print Friendly
32

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


  1. silvia

    vorrei sapere dove scaricare questi coupon…per favore fatela piu semplice questa cosa,senza doversi iscrivere a destra e manca….in america questa pratica è molto diffusa,possibile che noi in italia ci dobbiamo sempre far riconoscere?????????? stiamo in dietro non si sa di quanti anni…grazie

    Rispondi

  2. marinella

    siamo una fam di 4 persone (marito ,moglie ,2 figli)lavora solo mio marito con mutuo e bollette non ci riusciamo a fare una spesa come si deve ci sono i figli che anno esigenze per la scuola e ci vuole sempre del materiale . qua a reggio emilia di questi coupon non esistono mi piacerebbe sapere, se ci sono dove li trovo e quale negozio dove si possano usare grazie .

    marinella

    Rispondi

  3. simona

    Ciao a tutti, io sono simona e mi piacerebbe molto fare la raccolta di coupon da scaricare e stampare per poi risparmiare grazie a voi.. ma per questo mi servono i coupon e nn li trovo da nessuna parte … ho cercato in qualsiasi sito fino a che ho trovato il vostro.. vi prego se leggete questo messaggio vi prego di inviarmi coupon valindi per eurospar, interspar e despar … qualsiasi coupon valido per questi supermercati .. vi prego contatemi . e inviatemi coupon all’email che segue: simona-teo@hotmail.it Un bacio simo C:

    Rispondi

  4. Roberta

    Molti coupon gratuiti vengono forniti anche sulle pagine ufficiali delle aziende presenti su Facebook. Si tratta di codici da utilizzare nell’e-commerce se attivo o di coupon stampabili da scaricare e stampare attraverso fb.
    Oggi ad esempio è disponibile un coupon gratuito del 20% per KIKO Make Up, valido sia online sia nei negozi fisici.

    Rispondi

  5. Andrea Bertolotti

    A distanza di due anni, il portale coupongratuiti.com ora fornisce pubblicità gratuita anche alle aziende, quindi non è richiesta nessuna spesa e qualsiasi azienda può pubblicizzarsi gratuitamente a 50’000 persone iscritte al nostro sito e le oltre 100’000 visite mensili!

    Rispondi

  6. Dimitri

    Il coupon è un modo per far spendere ancor piu’ e senza logica. Su 20 euro ne risparmi 6, poi arrivati a casa ci si accorge che quanto preso non era indispensabile. Fosse cumulabile il discorso cambierebbe drasticamente (vedi gli Stati Uniti)… , fai una spesa di 500 dollari e ne spendi 30-40, se ti và male ;)

    Rispondi