Neonato, quando passare dalla culla al lettino? | Ultime Notizie Flash

Neonato, quando passare dalla culla al lettino?


Quando nasce un neonato spesso si decide di acquistare una culla per i primi mesi di vita. Ma quando passare dalla culla al lettino? Il passaggio potrebbe essere traumatico e causare problemi ai genitori. Il bambino inizialmente potrebbe avere difficoltà ad addormentarsi in un posto diverso da quello a cui era abituato e dunque è importante attuare alcune strategie affinché non ne soffra troppo. Vediamo dunque perché inizialmente si utilizza la culla piuttosto che il lettino e quando fare il passaggio dall’una all’altro.

Durante i primi mesi di vita del bambino spesso si opta per la culla perché costituisce un ambiente più ristretto, che richiama la pancia della mamma. Il piccolo, appena uscito dalla pancia, ha bisogno di sentirsi “confinato”, di ritrovare in parte la sicurezza che aveva nel grembo materno. La culla risponde proprio a questa esigenza, ma può andare bene per un periodo limitato. Infatti, quando il piccolo inizia a stare seduto da solo, si corre il rischio che possa arrampicarsi e dunque la culla può costituire un vero e proprio pericolo. Spesso si dice che la culla vada bene fino ai 4-5 mesi, insomma fino a che il bambino si senta comodo.

Marsupio o fascia porta bebè: ecco cosa è meglio per il neonato

Appurato che la culla sia diventata troppo piccola o costituisca un pericolo per il vostro bambino, è il momento di passare al lettino. Per farlo si può rendere il tutto meno traumatico utilizzando i cuscini da allattamento o i cuscini riduttori per culla e lettino, i quali serviranno a far sentire il neonato protetto. Inoltre è buona norma posizionare il bambino in fondo al lettino così da evitare che scivoli sotto lenzuola e coperte, con il rischio di soffocamento. In inverno si può evitare questa problematica con il sacco nanna. Insomma, una volta arrivato il momento, capirete quando passare dalla culla al lettino, sperando che il vostro bambino non risenta troppo della novità.

Commenta l'articolo