Log In

Sacco nanna per i neonati, perché utilizzarlo durante l’inverno

Il freddo è arrivato e molte neomamme, spesso piene di dubbi, si staranno chiedendo come fare per coprire il neonato in inverno. I bimbi piccoli infatti non riescono a rimanere coperti con le lenzuola in quanto muovono braccia e gambe e chiaramente, una volta scoperti, non sono in grado di ricoprirsi da soli. Il sacco nanna può essere indossato, e dunque rimane al suo posto svolgendo la funzione di coprire il neonato. Dunque oggi vediamo perché utilizzare durante l’inverno il sacco nanna per i neonati.

Il sacco nanna, come vi abbiamo accennato, consente di coprire il neonato senza rischiare che si scopra nel corso della notte, soprattutto se fa molto freddo. Inoltre i bambini appena nati si sentiranno contenuti e avvolti, proprio come accadeva nella pancia della mamma. Dunque il sacco nanna può rispondere all’esigenza di avere dei confini fa parte dei bambini appena nati, facendoli sentire più sereni. Si parla anche del sacco nanna come di un elemento utile a prevenire la SIDS, ovvero la morte improvvisa del lattante in culla. Non ci sono prove scientifiche certe di questo, ma sicuramente il sacco nanna per neonati è più sicuro delle lenzuola perché il bambino non scivola al di sotto di esse rischiando di soffocare.

Marsupio o fascia porta bebè: ecco cosa è meglio per il neonato

Il sacco nanna si trova in commercio con o senza maniche. Si consiglia di utilizzarlo senza maniche così che il bambino possa muoversi senza sentirsi costretto. Ma come vestire il neonato se si utilizza il sacco nanna? Bisogna usare le normali tutine di ciniglia e cotone, in base alla stagione e alla pesantezza del sacco nanna che avete scelto. Utilizzando il sacco nanna inoltre sarà più semplice sistemare culla e lettino, perché dovrete utilizzare semplicemente il lenzuolo con angoli. Infine ricordatevi sempre che i neonati non devono sudare e dunque non copriteli troppo.

Co-sleeping: culla da affiancare al letto per mamma e neonato, quale scegliere?

Altre notizie su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *