Log In

Melania Rea ultime notizie, esiste una setta satanica nell’ambiente militare?

Print Friendly

Esiste una setta satanica all’interno dell’ambiente militare? E’ questo lo sconcertante interrogativo che emerge nelle ultime notizie delle ultime ore, e che potrebbe portare anche alla risoluzione dell’enigma sull’omicidio di Melania Rea. Proseguono infatti le indagini sul delitto di questa ventinovenne di Somma Vesuviana, il cui cadavere è stato ritrovato nel bosco di Ripe di Civitella straziato da numerose coltellate, a due giorni dalla scomparsa di Melania. Fin da subito gli inquirenti hanno prestato particolare attenzione alla figura del marito di Melania Rea, Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’esercito, il quale lavora come istruttore presso il 235° Rav Piceno. Già nelle scorse settimane si era parlato della possibilità che l’omicida di Melania Rea si trovasse nell’ambiente militare, ma ora tale ipotesi sembra divenire sempre più plausibile. La denuncia di fatti gravi all’interno dell’ambiente militare arriva da Paolo Ferraro, noto magistrato della Procura di Roma: all’interno dell’ambiente militare vi sarebbe una vera e propria setta satanica, della quale farebbero parte alcuni ufficiali dell’Esercito. Che tutto questo sia legato con l’omicidio di Melania Rea?

L’ipotesi di Paolo Ferraro, è che ci sia una setta satanica massonica militare, e le prove sarebbero all’interno di circa 45 files audio analizzati attentamente. Da tali files emergerebbero in maniera chiara anche alcuni nomi. Tale setta agirebbe nell’ombra, attirando a sè adepti. In questa setta avverrebbero riti satanici basati sul sesso, e in cui si verificherebbe anche l’assunzione di droghe da parte dei partecipanti. Ma come può collegarsi tutto questo con l’omicidio di Melania Rea?

Pare che Paolo Ferraro abbia visto, alcune settimane prima della sua morte, Melania Rea presso il terzo piano della Procura, verso le ore 19.00. La moglie di Salvatore Parolisi stava parlando con il sostituto procuratore Stefano Pesci. Era davvero Melania Rea? O si tratta solo di una donna che le somigliava molto? Qualora si fosse trattato davvero di Melania, perchè si trovava lì? Per il momento a queste domande non si può trovare ancora risposta. Certo è che i guai per Salvatore Parolisi sembrano essere solo all’inizio. Se l’assassino di Melania Rea potrà essere ricondotto all’ambiente militare, probabilmente Parolisi sarebbe in qualche modo implicato nella morte della moglie, anche se indirettamente e involontariamente. Che Melania sia stata fatta fuori per metterla a tacere su qualcosa di cui era venuta a conoscenza, e che non avrebbe mai dovuto sapere?

A.D.

views:
18102
robotsmeta:
index,follow
Altre notizie su:

33 Commenti

  1. Leonardo Rispondi

    Ma per carità, lasciamo perdere queste fantasie ridicole, il Satana che ha ucciso Melania è sì in caserma, ed è un militare, solo che è il marito: il caporal maggiore Salvatore Parolisi.

  2. lori Rispondi

    Il magistrato Paolo Ferraro se racconta veramente quanto in questo articolo, forse doveva parlare prima, e se tutto questo è vero siamo messi proprio male.Parolisi è il primo nella lista.

  3. claudia Rispondi

    non so se esiste ma so con certezza che in quei luoghi si son celebrati riti satanici anni fa e che in abruzzo le sette crescono,lo so,son originaria di quei luoghi.

  4. vale Rispondi

    Penso che una delle maggiori difficolta x gli investigatori sia “VIOLARE” i segreti della Caserma,sicuramente molti sanno molto ma nessuno parla,prima viene il buon nome e bisogna salvaguardarne l”IMMAGINE,speriamo che non vengano ostacolate le indagini,sarebbe a dir poco “VERGOGNOSO” ma non sarebbe nemmeno la prima volta…vedi il caso RESTIVO,pur avendo la mamma sempre sostenuto che la figlia da quella CHIESA non era mai uscita non si sono fatte perquisizioni,perche?….anche li esistono i poteri forti,INTOCCABILI,pronti a coprire anche i delitti piu atroci!a proposito che fine ha fatto il nuovo parroco che sapeva…sparito o meglio cambio di…parrocchia?

  5. vans Rispondi

    Sicuramente se un magistrato parla è con cognizione di causa.Dovrebbe spiegare per quale segreto istruttorio non l’abbia rivelato prima o non sia trapelato prima.A volte la verità è molto piu semplice di ciò cui veniamo indotti a pensare. Il movente è la domanda chiave:chi aveva interesse a uccidere una persona.Mi chiedo cmq come mai non si sia indagato a fondo sulla vita della donna. Non sappiamo nulla di lei. Difficilmente si muore se non si è invischiati in qualcosa.Bisogna essere sfortunati e in questo delitto ci sono indizi che portano a pensare che non si sia trattato di sfortuna o casualità.

  6. maurina 1962 Rispondi

    Indagare sulla vittima e stata la prima cosa che gli inquirenti hanno fatto,ed è per questo che hanno perso tempo,lei non aveva niente da nascondere.Non è che gli inquirenti si stiano divertendo ad indagare a 360 gradisolo sul marito,ma piuttosto perchè hanno trovato su di lui prima di tutto un movente,e anche attraverso l analisi della psicologia comportamentale di cui sono esperti anchegli investigatori e anche i criminologi, quest uomo ha delle falle che sono a mio avviso eclatanti.Sono una psicologa ,e nella sua intervista a Quarto grado ha detto delle cose che non sono compatibili fra loro.vi spiego meglio-Quando ha detto che era innamorato della moglie ed aveva paura di perderla,ha anche detto di non riuscire a lasciare l amante per paura,ma quale paura,se la moglie lo aveva scoperto e perdonato,semmai la paura doveva averla a continuare la relazione.Quando un amante diventa scomoda se si ama la moglie la si lascia,e certo non si chatta giornalmente con lei e si tiene un cellulare nascosto per parlarci tutti i giorni.Io ho paura che questa storia lascera tutti noi amareggiati perchè è di un ingiustizia morale tale,che quando arrivera all epilogo sara considerata una delle peggiori.

  7. vans Rispondi

    Parolisi ha detto durante l’intervista che i genitori di Melania sapevano della relazione extraconiugale.Mi piacerebbe che confermassero o meno e mi chiedo, se fosse vero, anche loro perchè hanno sempre negato di esserne a conoscenza (per lo meno ai giornalisti, non so agli inquirenti).E’ un punto cmq che non mi è chiaro.

  8. anna Rispondi

    un conto è la vergogna morale di tradire la moglie un conto e ammazzarla.Le indagini erano partite all’inizio bene, delitto passionale o l’amante di lui o l’amante di lei.Come mai all’inizio si collocava la morte dopo circa nove ore dalla scomparsa ,ora si colloca fra le 14,30 e le 17,00?se lei stava mangiando alle ore 13,30 quando la mamma ha chiamato melania,nel suo stomaco non è stata trovata traccia di cibo, è ovvio che l’uccisione non può avvenire prima di aver digerito,cioè tre ore, passiamo dalle ore 13,30 alle ore 16,30 minimo,quindi Melania è stata uccisa fra le 16,30 e le 17,00.Quindi Parolisi dalle ore 15,00 è stato visto con certezza a san marco con la bambina e una donna che non si sa se sia melania, dal proprietario del chiosco.I vicini di casa vedono partire da Folignano Parolisi,Melania e la bambina alle ore 14,10,
    Ci si impiega 20-25 minuti ad andare a San Marco.Questi sono i tempi certi.Un altro tempo cetro è alle ore 15,20 la telefonata da san Marco di Parolisi alla moglie che non risponde.Alle 15,30 sta davanti al ristorante dove ci sono anche dei ciclisti che dicono d aver visto correre una donna sul ciglio della strada.Vogliamo poi parlare di questo arresto nella caserma di una ragazza di 25 anni affiliata ai Casalesi? penso che il cerchio sia completo.L’assassino è nella caserma,ma non è Parolisi.Partiamo anche da un altro dato certo i cani annusano la strada dove passa Melania ma non per andare al ristorante, ma per prendere l’uscita da San Marco senza essere vista,perchè è una strada che passa sotto nella panoramica,era lei che correva sul ciglio della strada all’uscita di san marco verso Ripe?Tutto quello che ho riepilogato sono orari e dati certi.
    Se il depistaggio è stato fatto nell’immediato dell’omicidio o il giorno dopo, Parolisi ha degli alibi.
    Il giorno 19 è stato tutto il giorno in caserma con la bambina e ci sono testimoni.
    il giorno dell’omicidio a Ripe è possibile che nessuno abbia visto una macchina avvicinarsi nel posto dove è stata trovata Melania?Per trovare l’assassino-a occorre conoscere il movente e l’arma del delitto

  9. anna Rispondi

    non so se vi ricordate quando nell’immediatezza della scoperta del cadavere alcuni abitanti di Villa Lempa vicino a Ripe di Civitella avevano notato nel tardo pomeriggio del giorno 18 Aprile due soldatesse e un uomo in paese molto agitati ,per quanto erano agitati avevano pensato di chiamare addirittura i carabinieri.Che cosa facevano due soldatesse a Villa Lempa?devono richiedere il dna a tutta la caserma se vogliono risalire agli assassini.e verificare gli alibi di tutti.Guarda caso qualcuno, anche se ritenuto non attendibile,aveva visto a San Marco una macchina con due donne e un uomo brizzolato, gli inquirenti devono verificare meglio questa testimonianza ,perchè certamente fra questa persona e gli abitanti di villa lempa saprebbero effettuare un riconoscimento sul volto delle due donne e l’uomo visto.L’identikit andava fatto subito e non che queste testimonianze sono state lasciate scivolare via senza la dovuta verifica.Gli abitanti di villa lempa sono certi ,c’erano due sodatesse e un uomo e non riescono a capire il perchè .Indagate nel verso giusto ,ricordatevi anche che ci possono essere tanti testimoni ma siccome si è comunque capito che ci può essere di mezzo la camorra o la malavita o ufficiali dell’esercito, nessuno parlerà più per non avere guai.l’indagine andava fatta subito e messe a verbale tutte le testimonianze.Parolisi può anche essere stato minacciato di uccidergli la figlia se parla.sono gli inquirenti che hanno sbagliato

  10. Francesco Di Lorenzo Rispondi

    Sono anch’io del parere che l’assassino sia della caserma o venuto da altra caserma per assolvere il compito. Se fosse vero che all’interno della caserma avvengono cose incoffessabili tutto può essere ipotizzabile anche che il delitto sia stato eseguito su ordinazione di qualcuno. Certo non è dato sapere di cosa sono a conoscenza gli inquirenti in merito alla possibilità dell’esistenza di una setta satanica all’interno della caserma e se magari è stato riferita qualcosa in merito da parte del Giudice Paolo Ferraro che ha indagato in passato sul problema delle sette.

  11. @ntimassone Rispondi

    Massoneria, Satanismo, Esercito, Sette, Religioni, Ecc: ovvero tutto ciò che non vuol far progredire l’individuo alla ricerca del suo vero senso e del suo miglioramento umano e spirituale:

    Massoneria Male Assoluto

  12. anna Rispondi

    Prima di mandare l’avviso di garanzia a Parolisi come indagato bisognava aspettare la relazione degli esperti che hanno fatto l’autopsia perchè devono ancora dirci l’orario della morte di melania, e da li ripartire con la verifica di tutti gli alibi. All’inizio la prima cosa che disse il medico legale che la morte era 9-12 ore dopo la scomparsa,è ovvio che il marito non aveva commesso l’omicidio , oggi sembra che si voglia ritrattare questo orario. Ma in base a che cosa? se Melania ha mangiato intorno alle 13,30 , nel suo stomaco non è stato trovato cibo, la digestione dura circa tre ore è ovvio che l’orario della morte è da collocare dopo le 16,30 ALLE 15 parolisi è già stato visto a san marco dal proprietario del chiosco vicino alle altalene con una bambina e c’era anche una donna che non sa se era Melania. Ma lui alle 15 c’era. che L’orario della morte serve per scagionare o incolpare qualcuno. Perchè gli esperti ritardano la consegna della relazione e quindi non indicano l’orario della morte?Non era preferibile avviare l’indagine a Parolisi come indagato dopo che si sapeva l’orario della presunta morte?I cani hanno fiutato l’odore di melania a San Marco in quel viottolo , è possibile che melania li si sia appartata per fare i suoi bisogni qualcuno la stava già seguendo e l’hanno rapita portata a ripe e uccisa. Da quel vittolo si arriva poi alla strada di sotto dove chi ci passa non è’ assolutamente visto ne da chi sta al ristorante ,ne dal chiosco ne dalle altalene. Per quanto rigurda il viottolo che dalle altalene va direttamente al ristorante, ebbene posso dire che anche io pur essendo stata tante volte a San Marco dove ho portato a giocare il mio bambino, quel viottolo on l’ho mai visto e per andare al bagno al ristoranre, e non al chiosco che i bagni fanno veramente schifo, anche io ho fatto la strada più lunga quella dove passano le macchine. Il problema è che melania anziche fare la curva e girare a destra dove c’è il ristorante ha proseguito dritto alla sua sinistra andando in questo viottolo dove i cani hanno annusato il suo odore. L’ostinazione a non prendere in considerazione il fiuto dei cani mi lascia molto perlessa ,proprio perchè conosco i luoghi, quasi a voler trovare un capo espiatorio per forza senza elementi oggettivi, che sono alla base del diritto. Il fatto che il marito abbia tradito la moglie è un dato di fatto ma l’omicidio è un’altra cosa.I ciclisti hanno dichiarato che,mentre salivano al pianoro di san marco hanno visto correre una donna sul ciglio della strada , alle 15,30 stavano davanti al ristorante dove c’era già Parolisi che cercava la moglie, è chiaro che hanno visto la donna lungo la strada prima, quella strada che va a RIpe,ho l’impressione che vogliano aggiustare l’orario della morte a secondo di come serva a loro ,quando invece è la prima cosa ,perchè è chiarissimo che se la morte è dalle ore 15 in poi il marito non è il colpevole,anche se io penso che la morte è dopo le 16,30proprio per il discorso della digestione. Allora ritorniamo anche a Villa Lempa Comune vicino Ripe dove il pomeriggio sul tardi ,il 18 aprile sono state viste due soldatesse e un uomo molto agitati, dagli abitanti. Comincino ad indagare all’interno della caserma e verificare tutti gli alibi,dalle ore 15 in poi.Vedere dai telefoni di tutta la caserma la collocazione vera di ognuno.

  13. anna Rispondi

    Vi ricordate che è stata ritrovata una seconda sim di Melania sconosciuta al Marito?Mentre per il marito vale la tesi che è il telefono con cui parla con l’amante, perchè non si prende in considerazione la stessa tesi per Melania che la seconda sim serviva per parlare con un suo amante?Il fatto che l’amica alle 14,40 l’abbia chiamata e non ha ricevuto risposta non significa che melania era già morta semplicemente il telefono stava a caricare a casa e quindi melania non lo aveva dietro Troppe congetture sbagliate sono state scritte.Ritorno anche alla testimonianza di una persona che andava a cavallo da san marco a san giacomo ,strada che porta poi a Ripe,vede due macchine sfrecciare ad alta velocità una di questa era rossa era intorno alle 16, è possibile che in una delle due macchine ci fosse stata melania già tramortita ,rapita e portata a ripe e uccisa ,per arrivare ci vuole circa 25 minuti, quindi melania presumibilmente può essere stata uccisa alle ore 16,30.
    E’ possibile che a SAn Marco con tanti presunti testimoni nessuno ha visto le due macchine visto che per forza dovevano passare davanti al ristorante, davanti alle altalene e cosi via, questa è la dimostrazione che i testimoni raccontano a volte quello che hanno voglia di raccontare. Il fiuto dei cani che hanno sentito l’odore di Melania in quel viottolo non li può ingannare nessuno,nemmeno gli inquirenti.E’ anche possibile che melania si sia appartata li per fare i suoi bisogni.La donna testimone che oggi esce che stava alle altalene il video la ritrae con certezza alle 15,30 mentre andava via ma non fa vedere quando arriva è ovvio che Parolisi a quell’ora è andato già via dalle altalene è risalito in macchina per andare davanti al ristorante alle 15,30 mentre alle 15,20 fa sicuramente da san marco una telefonata sul cellulare della moglie, quindi questa testimonianza non prova assolutamente nulla,’unica cosa certa che il Ranalli proprietario del chiosco vede Partolisi alle ore 15 insieme alla bambina e ad una donna che non sa se è melania.Quindi ci sono alcuni testimoni che hanno parlato dopo suggestionati dal fatto che Proloisi tradiva mentre il Ranalli la sua testimonianza la fa prima e dice la stessa cosa anche se qualcuno vuole cercare di inquinarla.
    Riflettete.Ci sono testimonianze purtroppo accantonate in fretta e invece molto importanti

  14. anna Rispondi

    Questa è la testimonianza fatta dopo pochi giorni dal fatto, i testimoni veri sono quelli non spuntati a due mesi dal delitto, ma quelli che a mente fresca senza condizionamenti sul fatto che Parolisi ha tradito la moglie hanno fatto dichiarazioni spontanee.leggete

    E ancora: è stata raccolta l’importante testimonianza di un motociclista, che conferma di aver visto Melania passare attraverso un sentiero, confermata anche dal fiuto dei cani. Le tracce della donna si interrompono di fronte al Monumento dei Caduti.

    Il monumento dei caduti, perchi non conosce il posto, sta vicino ad una strada detta panoramica , passando in questa strada chiamata di sotto, non si è visti nè dal ristorante ne dalle altalene ne dalla strada detta di sopra, parallela a questa.quindi chiunque può aver aggradito melania, o la stava aspettando caricata in macchina e portata via senza che nessuno vedesse.

    Voglio porre l’attenzione sulle stranezze dell’amica di melania sonia.Sonia dichiara che ha telefonato a melania alle ore 14,40, confermato dai tabulati, perchè sonia chiama melania se si dovevano vedere poi alle 16?Quando poi Sonia non vede arrivare Melania fa la telefonata per sapere dove sta? C’è sui tabulati questa telefonata. Se non c’è sonia ha qualcosa da nascondere , non ha fatto la telefonata perchè sapeva che melania era morta, Il marito di Sonia è quella persona che ha importunato Melania ad a una festa, così hanno dichiarato alcune persone.In un programma televiso ,in una intervista Sonia ha un lapsus di questo tipo: Abbiamo ucciso………………hanno ucciso Melania.Gli alibi di sonia e il marito vanno verificati nel momento del presunto orario della scomparsa.
    Sonia è quella che ha dichiarato che Melania se ne voleva ritornare dai genitori, lo ha fatto forse per depistare?quando ad altre persone dichiarava che il fatto che Melania stava sempre appiccicata al marito gli dava fastidio.Sono tante stranezze.Se Sonia non ha telefonato a Melania dopo le 16 per sapere come mai non andava a casa sua, Sonia è la prima sospettata

    Non si possono vedere solo le stranezze del Parolisi.

  15. anna Rispondi

    sul fatto di sonia ho letto che un altra persona mette in dubbio le parole di sonia, partendo proprio dal perchè sonia alle 14,40 ha avuto la necessità di chiamare melania quando si doveva vedere alle 16.Il marito della sonia è quello che aveva importunato melania ad una festa, c’entra forse questo episodio?sonia lo è venuto a sapere e ha voluto un chiarimento con melania finito poi in tragediA?
    lA Storia della telefonata fatta con il telefono della madre,il messaggio fatto sul telefono wind di melania che sapeva benissimo usare poco infatti stava a casa a caricare, il fatto che melania sia stata sfigurata è opera di una donna invidiosa della sua bellezza.
    Dopo le ore 16 sarebbe curioso sapere se sonia non vedendola arrivare ha telefonato ancora a melania,quando un ospite non ariva di solita si chiama ,Se questa telefonata nei tabulati telefonici non ci fosse è la dimostrazione che sonia sapeva benissimo che cosa era successo a melania,sonia poteva avere un movente,vediamo paciolla e la moglie, anche lui aveva forse un amante melania ha minacciato di raccontare tutti gli altarini del marito e del paciolla? la moglie stefania lo è venuto a sapere e l’ha uccisa.avete visto la moglie di paciolla è mora come melania.a queste due coppie deve essere chiesti l’alibi dal momento della scomparsa fino alla sera se non al giorno dopo.

  16. anna Rispondi

    c’è una foto messa agli dagli inquirenti dove si dice che non c’è nessuna macchina, su internet questa foto è ingrandita e benissimo si vede dietro una staccionata una acchina nera come quella di Parolisi, i ragazzi hanno dichiarato di non aver visto macchine,Falso.E’ quello che dico da tanto tempo i testimoni a tre mesi dall’omicidio sono inattendibili,guardate bene i ragazzi come sono vestiti uno addirittura è in canottiera e pantaloncini corti, gli inquirenti e i testimoni hanno ipotizzato che parolisi dopo il delitto si era cambiato perchè quello non era l’abbigliamento per una giornata che loro dicevano fredda.Falso anche questo e meno male che ci sono queste foto a smentirli.parliamo del dna femminile sotto l’unghia di melani, sull’anello prova che l’anello è stato sfilato da una donna e non che melania lo abbia gettato addosso al marito dopo una lite,dna femminile sulle mutandine di melania come è notizia di oggi un cappello femminile sul corpo di melania, quando si decidono gli inquirenti a ricominciare le indagini partendo dal viottolo di san marco fino al monumento dei caduti dove i cani hanno annusato l’odore di melania ,i cani sono gli unici a non mentire.e’ vero anche che parolisi ha mentito su tante cose ma per coprire i suoi tradimenti

  17. anna Rispondi

    ne’intervista sonia racconta nei minimi particolari ciò che ha fatto melania alla mattina come fa a saperlo se non l’0ha vista?chi glielo ha raccontato?racconta dei due telefoni di melania il wind che non usava mai solo per telefonare al papa e il tim che usava sempre, perchè allora sonia manda il messaggino a melania sul wind?Dice anche che melania non conosceva i tradimenti del marito, mentre era l’esatto contrario.Perchè ha cercato di depistare? in un passaggio della sua intervista dice una frase agghiacciante:con queste cattiverie Melania la stiamo uccidendo un’altra volta………………….la stanno uccidendo un’altra volta………..si è correttA.mentre dice questa frase sembra come se avesse vissuto quel momento……………………………
    sull’unghia sul’anello e sulle mutandine di melania è stato trvato dna femminile sembra di un’amica è forse Sonia?le indagini a senso unico non portano da nessuna parte, anche perchè al monumento ai caduti a san marco dove i cani sentono l’odore di melania si aggancia la cella teefonica di ripe,quindi i telefono non costituisce prova , perchè melania poteva stare a ripe come al monumento dei caduti come dicono i cani, i cani non mentono

  18. El Indio Rispondi

    Non c’è da stupirsi che ci siano sette sataniche droga e altre porcate in abienti istituzionali italiani, ormai l’italia è allo sfascio ed è marcia nelle fondamenta.La cosa triste è che questi ufficiali e generaloni vengono mantenuti dalla genta che lavora.

  19. maurina 1962 Rispondi

    Non c è da stupirsi di niente,ma credetemi che con quell omicidio le sette sataniche non hanno niente a che fare.Non so chi sia lei Anna se una parente di Parolisi o un amica della Perrone oppure soltanto una persona che si è invanghita di questo demente,ma è certo che si sta arrampicando sugli specchi,per difenderlo sta mettendo in rete persone che non c entrano per niente e non solo quello ma da anche dati inesatti sull autopsia e sulle celle telefoniche.Prima di tutto le sette sataniche le ha messe di mezzo lui,come ha messo di mezzo altre ragazze e come ha messo di mezzo la droga,tutto ha fatto all infuori che dire invece la verità su di lui e sulla Perrone.Questa è una storia che purtroppo rispecchia molto la mancanza di valori dei tempi odierni,ma non perchè non ci si possa innamorare di un altra persona,ma per la freddezza che c è sia daparte di lui che di lei,che nel vivere una tragedia simile non trovano di meglio che mandarsi messaggi d amore tramite stampa o lettere d amore nascoste,senza nessun rispetto verso una famiglia e una bambina appena rimasta orfana in modo cosi tragico.Roba da fare vomitare Shakspeare nella tomba con tutto il rispetto per lui naturalmente,e voi vi stupite se un demente del genere,che si fa rigirare da un altra demente forse molto peggio di lui,abbia potuto uccidere la moglie per non avere problemi economici familiari,o anche per il semplice fatto che questa donna non fosse mai accettata dalla famiglia di lui,e quindi la paura di perderla ma questa è la cosa più probabile che sia successa.Il fatto poi che la Perrone osi anche sentirsi una vittima,se lo è lo è di se stessa il che è molto diverso la dice lunga sulle sue qualità morali e umane.Per fortuna ci sono anche i processi indiziari,dove se si individua un valido movente ,sono difficili da smontare.

  20. Zaruthustra ed i dubbi Rispondi

    Ho letto alcuni blogg sulla vicenda ed ho notato anche da trasmissioni televisive che alla soldatessa Perrone forse può essere solo imputato una sorta d’incoscienza ed egoismo:è disumano che una ragazza molto giovane non provi misericordia ed orrore per la morte atroce di una giovane mamma e pensi solo a litigare al telefono con l’amante per aver prestato ancora la sua attenzione alla defunta.questo non significa necessariamente che sia colpevole, si può essere innocenti ed uccidere, senza volerlo.

  21. anna Rispondi

    sono semplicemente una persona che conosco i posti e abito nella prov8incia di ascoli piceno vi posso assicurare che parolisi non aveva i tempi tecnici per uccidere melania a ripe, perchè dfolignano a san marco è solo di 8 km ma la distanza fra folignano ,ripe, san giacomo e san marco sono 30 km di strade tortuose e nemmeno il delitto più pianificato poteva essere compiuto dal parolisi con il tragitto che dice gli inquirenti, alla prima udienza in tribunale basterà chiedere la verifica dei tempi di percorrenza e il castello accusatorio della procura crollerà poi voglio spiegarvi come funziona le esercitazioni militari visto che tutti nell’ascolano chi prima e chi dopo abbiamo assistito, il pulmann viene posizionato dei militari proprio all’incrocio dove dopo 200 mt c’è il chiosco di ripe dove è stato trov ato il corpo di melania, il 18 e il 19 c’era una esercitazione militare,quin di ameno che tutti i militari di chieti siano complici del delitto ,il corpo di melania non era li neil 18 ne il 19, ma è stato portato solo la sera del 19 dove è stato fatto il depistaggio, le sentinelle sono 4 presenti tutti gli incroci,voglio ricordarvi che il cane portato a ripe, ma gli inquirenti non ve lo dicono, ha annustato l’odore di melania anche dentro un casolare probabilmente dove è stato nascosto il corpo prima di andarlo a mmeter a ripe vicino al chiosco,voglio anche dirvi che alcuni giorni prima c’era stato un forte temporale e aveva anche nevicato quindi è impossibile che i cani hanno annusato l’odore di melania del 3 aprile e non il 10 come si vuole far credere, l’odore era del gioeno 18 aprile, le menzogne che sono state raccontare, lo sappiamo noi che abitiamo nella zona e che conosciamo bene i posti è ovvio che le persone che nemmeno sanno di che cosa stanno parlano non riescono a capire le menzogne.a ripe ci sono le prove dell’innocenza di parolis, nelle mutande di melania c’è il dna di sonia, che non ha stirato con melania i suoi panni ,perchè la sera prima è la famiglia parolisi che èandata a casa di sonia che abita in un altro palazzo,melania non ha assolutamente portato i suoi panni a stirare, la procura deve indagar esu sonia, anche perchè quando telefona a melania il suo cellulare aggancia la cella telefonica di san enon di folignano.perchè?come mai sonia non vedendo arrivare melania alle ore 16 non la chiama? di solito quando un ospite non arriva si chima ,sonia ha mentito sul corpo di melania c’è il duo dna è assurdo e inconcepibile che gli inquirenti non approfondiscano l’alibi di sonia e non chiedano spiegazioni,il marito di sonia è quello che importunò melania penso che ci siano elementi per approfondire anzichè fare le indagini a senso unico
    parolis in un processo riuscirà a d8imostrare la sua innocenza ,guardate cosa scrive il medico legale, le ferite post morte sono state fatte dai 30 ai 60 minuti dopo la morte e poche ore prima del ritrovamento, questo smentisce la procura che colloca la morte dalle 13,30 alle 15,30, falso chi indagava ha avuto 36 ore circa per salvare la vita a melania e non lo dico io ma il meico legale

  22. maurina 1962 Rispondi

    Non so se lei Anna si renda conto di quello che sta mettendo in rete,ma accusare una persona che per la pubblica accusa è totalmente estranea ai fatti,può procurarle qualche guaio.Detto questo forse lei non lo ha capito,ma questo è un omicidio che è stato premeditato in un momento di totale inebetismo da parte del Parolisi,in quanto si conta che dal 12 al 19 aprile i due ebeti si siano mndati più di 2500 messaggi,e più di mille telefonate.Itempi cara Anna non gli stabilisce lei,ma gli inquirenti e a quanto pare a loro tornano,altrimenti se la difesa avesse a pro suo la dinamica dei fatti,la cassazione lo avrebbe già fatto scarcerare,perchè il fatto non può sussistere.Purtroppo cara Anna penso che lei dovrà rimanerci molto male,perchè il Parolisi verrà condannato,e lei essendo una donna dovrebbe essere contenta sia per Melania che per la sua bambina.

  23. anna Rispondi

    io non sono affatto contenta se viene condannato un innocente.Adesso vi faccio notare ciò che relaziona il tagliabracci e che non approfondisce.
    Nella sua relazione il tagliabracci afferma che dopo tampone vaginale del 21 aprile fatto il pomeriggio, si evidenzia presenza di SG.La sg è una sostanza che c’è solo dopo un rapporto sessuale non protetto,quindi il rapporto sessuale è consenziente.

    Ora la SGrimane fino a 48 ore dopo il rapporto volendo allungare molto i tempi 72 ore, quindiritornando dietro di 72 ore arriviamo al tardo pomeriggio del 18 aprile quindi melania ha avuto un rapporto sessuale non con il marito visto che era a san marco,il tagliabracci dice consenziente……ma se tale rapporto l’ha avuto sotto minaccia del suo aguzzino questo è stupro

    MELANIA è STATA VIOLENTATA E QUESTO STA SCRITTO NEGLI ATTI DELL’INCHIESTA L’ALTERNATIVA è CHE AVEVA UN AMANTE CHE L’HA POI UCCISA COSA CHE NON CREDO

    CAPITE BENISSIMO CHE LO SCENARIO CAMBIA E DI MOLTO.LA CERTEZZA è CHE MELANIA HA AVUTO UN RAPPORTO SESSUALE NON CON IL MARITO ECCO PERCHè I GENITORI DI MELANIA ATTACCANO PAROLISI, NON VOGLIONO CHE SI INDAGHI SULLA FIGLIA IMMAGINATE PERSONE DEL SUD CHENELLA MIGLIORE DELLA IPOTESI LA FIGLIA è STAT VIOLENTATA NELLA PEGGIORE AVEVA UN AMANTE CHE L’HA UCCISA QUESTA è LA VERITà CHE STA NELLA RELAZIONE

  24. Pingback: La repressione si accanisce su Paolo Ferraro | Lo Sai

  25. Pingback: Paolo Ferraro: per un progetto di ricostruzione trasversale di un arco politico democratico contro l’oppressione | Escogitur.it

  26. Pingback: Melania Rea ultime notizie, esiste una setta satanica nell’ambiente militare? | paoloferrarocdd

  27. Carmine Rispondi

    Io credo a Paolo Ferraro, ho letto molte cose di lui degli scenari che propone e ci credo, più mi guardo intorno e più me ne convinco. Provate a dargli credito per un attimo, se esiste un ambiente massonico che unisce ed usa psicologi, medici, militari, magistrati, politici, vi sembra così difficile che si intrufoli in una caserma?
    Affatto, la caserma è un luogo chiuso verso l’esterno, con un capo, una gerarchia definita e persone di cui ci si deve fidare per forza di cose (i superiori e i medici militari), con regole e difficoltà che possono essere alleviate da chi ha potere, un luogo dove è facile creare gruppi deviati con il consenso sempre celato dei superiori. E’ uno dei luoghi più semplici dove propinare farmaci psicotici (come fatto forzatamente a Paolo Ferraro) ai militari ed istruirli,
    Vi chiederete a cosa serve tutto questo, militarmente parlando posso pensare che possano essere fatti dei “favori” a qualcuno, sia in italia che lall’estero, in merito alle donne, se per un attimo date ancora credito a Paolo Ferraro e ad altre fonti che parlano di metodi di condizionamento è facile prevederne un uso sessuale con tutto cio’ che ne consegue … aprite la mente leggete cosa è accaduto a Paolo Ferraro e provate ad immaginarne le conseguenze possibili, soprattuto per chi non ha una mente investigativa come Paolo.

  28. Pingback: Melania Rea ultime notizie, esiste una setta satanica nell’ambiente militare? | paoloferrarocdd

  29. franca Rispondi

    sono d’accordo con te; cmq credo ke mentre noi facciamo tante ipotesi gli inquirenti lavorano ma non possono dire tutto altrimenti scoprono le loro mosse. se l’ipotesi della setta satanica è vera e tutte le informazioni dell’articolo corrispondono a verità credo ke la soluzione sia vicina.

  30. Francesco Di Lorenzo Rispondi

    Sarebbe anche pensabile che Parolisi sia stato costretto a collaborare o addirittura ad eseguire l’uccisione della moglie, ma penso piuttosto a subire passivamente la decisione di qualcuno che non poteva tradire essendo parte di quella cerchia. L’eleminazione della Melania potrebbe essere avvenuta poichè era a conoscenze di cose sconvolgenti su quella caserma. Se fosse così a Parolisi è stato imposto il silenzio e non è escluso che egli temesse anche per la sua bambina.

  31. sanyi64 Rispondi

    Il sig Ferrero,pm molto rispettato dagli stessi carabinieri,ha dovuto subire un tso per aver ricercato nell’ambiente militare gli assassini di Melania Rea..e dopo aver ascoltato la sua versione credo di piu a lui..secondo me il Parolisi avrá si cornificato spesso la moglie ma é innocente per l’ omicidio e sugli specchi si arrampicano coloro che lo ritengono colpevole…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

3°C

Milano

Parzialmente nuvoloso

Umidità 100%

Vento 8.05 km/h

  • 19 Dec 201411°C6°C
  • 20 Dec 201411°C3°C

7°C

Roma

Parzialmente nuvoloso

Umidità 87%

Vento 0 km/h

  • 19 Dec 201414°C8°C
  • 20 Dec 201416°C7°C

12°C

Palermo

Parzialmente nuvoloso

Umidità 88%

Vento 12.87 km/h

  • 19 Dec 201417°C11°C
  • 20 Dec 201418°C13°C