Sapone per le mani e shampoo antibatterico aumentano le infezioni

Il sapone per le mani e lo shampoo antibatterico aumentano il rischio di contrarre infezioni. L’effetto dei saponi per le mani sarebbe quello di aumentare il rischio di prendere infezioni. A spiegare ciò che sembra un paradosso è una ricerca condotta dall’Università del Michigan. Una sostanza contenuta nel sapone per le mani, il Triclosan, sarebbe controproducente. Il Triclosan, derivato dal clorurato del fenolo, si trova in gran parte dei prodotti per l’igiene personale, shampoo compreso. La sostanza è stata rilevata nel 41% degli adulti usati come campione per l’esperimento. Tra loro, un’alta percentuale mostrava predisposizione alle infezioni da stafilococco aureo. Blaise Boles è il docente di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo che ha condotto la ricerca. Boles ha spiegato così: “Il Triclosan è molto comune nei saponi, dentifrici e collutori, ma non c’è alcuna prova che svolga un lavoro migliore del sapone normale – prosegue Boles – Questo agente potrebbe avere conseguenze indesiderate sui nostri corpi. Potrebbe promuovere lo Stafilococco e colonizzare le vie nasali”. In sintesi, il rischio è quello di aumentare le probabilità di prendersi un’infezione. Questa sostanza viene usata da quasi 50 anni come antibatterico nella maggior parte dei prodotti per l’igiene personale. Alcuni studi hanno riscontrato la presenza della sostanza perfino nei liquidi umani. Altre sperimentazioni hanno dimostrato che lo stafilococco aureo, coltivato in presenza di Triclosan, arrivava con più facilità alle proteine umane. Boles consiglia di prendere in considerazione l’ipotesi di eliminare il Triclosan dal comune sapone antibatterico per le mani. Questa sostanza si trova anche nello shampoo e per questo è consigliabile cercare di non esagerare con l’igiene personale. Ad esempio, è bene lavare il proprio bambino un paio di volte alla settimana e non tutti i giorni. Dunque, è bene non esagerare con l’igiene personale e attendere ulteriori conferme in merito a questa sostanza. Se verranno confermate le ricerche di Boles, si dovrà rivoluzionare l’intera gamma di prodotti studiati per l’igiene personale che la contengono.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.