Virus dell’inverno 2017: tutto ciò che c’è da sapere sull’influenza invernale

virus influenzali

Presto il virus arriverà a colpire ben 4 o 5 milioni di italiani. Anche quest’anno l’influenza metterà ko centinaia di italiani. Ma come sarà questa febbre? Che genere di influenza ci aspetta tra l’autunno e l’inverno? Tutto dipenderà da alcune accortezze, necessarie per evitare di essere colpiti. Pare che la sua virulenza dipenderà anche dalle condizioni meteorologiche. Stando a quanto dichiara il ricercatore del Dipartimento Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, il virus è strettamente collegato al clima del Paese. Secondo i dati condivisi dall’Osservatorio InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità, durante la scorsa stagione ci sono stati almeno 5 milioni di casi accertati. Il contagio è aumentato intorno all’ultima settimana dell’anno 2016. Anche quest’anno sono previsti dai 4 ai 5 milioni di casi di influenza. A questi vengono sommate le persone, tra gli 8 ai 10 milioni, che soffriranno di sindromi parainfluenzali. Dunque, possiamo annunciare che tra i 12 e i 15 milioni di italiani saranno costretti a restare a letto a causa dei virus. Ma perché tutto questo dipende in particolar modo dal clima? Se l’inverno dovesse presentarsi abbastanza lungo e soprattutto freddo, i pazienti con influenza aumenterebbero notevolmente. Altrimenti si noterà solo la presenza di virus parainfluenzali, i cui sintomi sono meno forti. Le influenze saranno le stesse dello scorso inverno, fatta eccezione per l’H1N1 A/Michigan che prenderà il posto dell’H1N1 California. In totale, i virus che saranno in circolazione saranno quattro.

L’IMPORTANZA DEI VACCINI PER PREVENIRE I VIRUS ULTIME NOTIZIE

L’idea dell’OMS di produrre un vaccino quadrivalente non ha avuto molto successo. Infatti, lo scorso anno solo un’azienda ha scelto di metterlo sul mercato e oggi se ne aggiunge solo un’altra. Per Fabrizio Pregliasco anche i vaccini trivalenti possono essere efficaci, anche se non assicurano una copertura totale. Coloro che hanno più necessità di effettuare il vaccino sono gli anziani, soprattutto se soffrono di problemi cardiaci o respiratori. Ovviamente il vaccino non garantisce la protezione totale dalle 262 varianti di virus parainfluenzali. Nonostante ciò, gli anziani potrebbero avere la possibilità di evitare le forme influenzali più pericolose. Le autorità sanitarie hanno messo a disposizione la vaccinazione antinfluenzale gratuita, così il 75% degli anziani potrà essere coperto. Ma negli anni c’è stato un evidente crollo delle vaccinazioni. Il 5% della popolazione italiana considera il vaccino antinfluenzale pericoloso. Molti sono coloro che non lo ritengono necessario per la salute, dichiarando di trovare la vaccinazione pericolosa. Ma è necessario sapere che è opportuno ormai proteggersi dai virus che sono contagiosi.

COME EVITARE IL CONTAGIO DA VIRUS INFLUENZALE DURANTE L’INVERNO 2017/18

L’influenza si presenta solitamente con la febbre alta, dolori muscolari, tosse, mal di gola o congestione nasale. Seguire qualche consiglio porta alla prevenzione del contagio del virus. E’ necessario principalmente evitare di stare a contatto con persone influenzate. E’ consigliato lavarsi spesso le mani ed evitare di toccarsi gli occhi, il naso e la bocca. A volte anche disinfettare le superfici dei mobili di casa o dell’ufficio è un buon modo per evitare che gli altri membri della famiglia o gli altri colleghi siano contagiati. Il fumo è da evitare, poiché diminuisce le difese immunitarie. E’ consigliato bere molta acqua, seguire una dieta sana e fare attività fisica, per evitare di contrarre il virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.