Vaccino contro Aids, è iniziata la sperimentazione italiana

La strada per trovare la cura contro l’AIDS è ancora molto lunga e tortuosa soprattutto se vengono a mancare i fondi per sostenere il proseguimento della ricerca che anche se lentamente sta facendo dei grandi passi avanti. E’ iniziata infatti, la sperimentazione in Sudafrica del vaccino contro l’AIDS creato da un’equipe di medici italiani. Questo nuovo progetto è basato su una proteina che è chiamata Tat-Hiv1 che ha uno scopo principale: si vuole testare se il nostro organismo è in grado di produrre una buona risposta immunitaria se viene stimolato correttamente.

Questo nuovo vaccino verrà sperimentato su ben 200 sudafricani per testarne l’efficacia, ovviamente deve essere testata anche la sua sicurezza dovendo svolgere la funzione di vaccino. Il campione di persone che è stato considerato varia dai 18 ai 45 anni circa. Ci sarà inoltre una collaborazione tra il centro sudafricano e l’equipe di medici italiani perché la sperimentazione venga svolta al meglio. Questo nuovo vaccino può portare ad una grandissima svolta: non solo prevenire lo sviluppo della malattia tra i sieropositivi che ne sono stati già parzialmente infettati, ma anche per chi già ha contratto l’Hiv e diminuirne gli effetti. Basato come prevenzione questo vaccino con la proteina Tat può aiutare sin dai primi momenti dell’infezione, cercando di contrastare il propagarsi dell’infezione. Lo scopo principale di questo vaccino è quello di evitare il propagarsi della malattia, nonostante la sperimentazione della terapia anti retro virale abbia dato degli ottimi risultati, si vuole essere assolutamente certi che gli effetti vengano contrastati nel modo giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.