Valore nutrizionale negli alimenti, come calcolarlo?

Per poter fare una buona dieta bisogna prima capire quali cibi siano realmente necessari ed indispensabili alla nostra alimentazione, e quali invece sono da eliminare totalmente. Per poter fare questo e capire cos’è contenuto all’interno degli alimenti bisogna leggere molto attentamente tutte le etichette: infatti ogni cibo ha una parte in cui sono elencati gli ingredienti contenuti. Per prima cosa troveremo le calorie, anzi troveremo la parola chilocaloria ma cosa significa? Si tratta in parole semplici della quantità di calore che serve per innalzare di un grado 1kg d’acqua. Dire calorie e chilocalorie non è la stessa cosa: infatti una chilocaloria sono ben 1000 calorie. Bisogna cercare di consumare maggiormente alimenti ipocalorici cioè poveri di grassi. I carboidrati contenuti nel pane e nella pasta sono l’elemento che da più energia al corpo però deve essere assunto nella quantità giusta; le proteine devono essere consumate meno dei carboidrati, anche se anche queste hanno la funzione di dare energia.

Le fibre, contenute sopratutto nei legumi, in alcuni cereali, che riducono il livello di colesterolo e permettono anche di prevenire alcune malattie cardiovascolari, nel caso di fibre solubili, invece quelle insolubili sono utili per i problemi di tipo intestinale. Anche se la parola grassi troppo spesso viene associata a cose che non si devono mangiare, fanno parte anch’essi della nostra dieta e delle sostanze che il nostro corpo deve assumere. I grassi che si possono mangiare tranquillamente e che non hanno conseguenze sulla linea sono quelli insaturi di origine vegetale. Per una corretta alimentazione basta semplicemente assumere tutti gli elementi nutritivi ma con giudizio!

One response to “Valore nutrizionale negli alimenti, come calcolarlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.