Otite negli adulti, i rimedi efficaci non solo naturali ma attenzione agli auricolari

Mal d’orecchio o più precisamente in termini medici otite colpisce i bambini in gran parte, ma anche gli adulti. In particolare ci sono due tipi di otite. Vediamo come distinguerle e come curarla. C’è l’otite media, che colpisce la parte più interna dell’orecchio, e l’otite esterna, che, invece, è un’infiammazione meno seria, più un’irritazione che un’infezione, e interessa la parte più superficiale dell’orecchio, la pelle del condotto uditivo. Le cause possono essere tante e diversi fattori possono scatenare questo dolore persistente che disabilita completamente la persona che ne è colpita. Alla base dell’otite esterna ci sono quasi sempre cattive abitudini, come la scorretta igiene del canale uditivo, l’utilizzo frequente degli auricolari, che oltre a essere un veicolo di microrganismi potenzialmente pericoloso rischiano di impedire la corretta ventilazione del canale uditivo.

Altri fattori sono la mancata asciugatura delle orecchie dopo bagni e docce che rischia di creare il microclima ideale per germi e batteri. I sintomi più frequenti sono: la sensazione di avere l’orecchio tappato, il fastidio e il dolore nella zona interessata, che si acuisce in modo importante se si effettua una pressione.

DOLORI PERSISTENTI AL SENO ECCO I RIMEDI E COME DISTINGUERLI

Inoltre, in caso di otite esterna, si può notare anche un arrossamento e un’irritazione del condotto uditivo, associato a gonfiore evidente. Le cure per alleviare questo disturbo, le prescrive il medico di famiglia o un otorino, ed è essenzialmente una cura a base di antibiotici e farmaci antinfiammatori da assumere per via orale, in grado di combattere l’infiammazione e l’infezione. In associazione alla terapia orale di solito si possono utilizzare anche prodotti topici, come creme o gocce da spalmare all’interno del condotto uditivo. Possibile anche risolvere con i rimedi presenti in natura. Alcuni alleati preziosi in caso di otite in particolare, quando si tratta di otite media, si possono sfruttare le proprietà sedative e antinfiammatorie della lobelia e dell’aglio, ma anche quelle lenitive della camomilla. Contro l’otite esterna, invece, possono essere efficaci l’olio di levistico, espettorante e lenitivo, e l’olio di ricino, da applicare, dopo averlo leggermente riscaldato, sulla parete esterna dell’orecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.