Estate 2011: Otranto, città più a Est dell’Italia, vi aspetta


E’ estate, ed è tempo di vacanze. Saranno in moltissimi a prendere le ferie dal lavoro per fare un viaggetto, staccando la spina da un anno di lavoro e conti che devono tornare. Noi oggi consigliamo un posto fantastico, per chi ama il mare e non solo: si tratta di Otranto. Otranto è una città magica del Salento, un ponte fra l’oriente e l’occidente, il punto più a est dell’Italia, meta preferita di moltissima gente: giovani e meno giovani. Infatti la città soddisfa le esigenze di tutti. I giovani che vanno in vacanza a Otranto possono godersi il sole e un mare limpido come pochi e poi, una volta arrivata sera possono decidere se uscire nel centro storico, dove la movida è sempre accesa, o se andare nelle numerose discoteche vicine. Per quanto riguarda le famiglie e gli anziani invece, Otranto è una città tutta da visitare.C’è la suggestiva cattedrale dei Martiri di Otranto, che inoltre è anche la chiesa più grande della Puglia.

Chi è appasionato di arte, non può non visitarla: oltre alla suggestione dei resti dei martiri, il mosaico che è custodito all’interno della cattedrale è il mosaico più grande del mondo. Per chi invece preferisce una passeggiata, Otranto è davvero interessante da visitare: le sue vie così piccoline, in salita, adornate da tantissimi souvenir caratteristici fatti dagli artigiani che lavorano la cartapesta e la pietra leccese lasciano davvero a bocca aperta.

Insomma, c’è da perdersi in quest’incantesimo, cosa aspettate per visitare la magica città? Otranto vi aspetta.

 

Per ricevere le ultime news di Ultime Notizie Flash direttamente su Facebook Messenger clicca qui

Leggi altri articoli di Viaggi e Turismo

1 commento per “Estate 2011: Otranto, città più a Est dell’Italia, vi aspetta”

  1. luglio 26, 2011

    […] voi dove andrete in vacanza? Seguite i nostri consigli su: Barcellona, Salento, Croazia, Grecia, Otranto, Gallipoli, Trentino, Santa Teresa di Gallura, Capri e, per chi ha anche un amico a quattro zampe […]

    Commenta l'articolo