Sing&Song Home Studio: Masterclass in arrivo con Stefania Patanè, una formazione musicale aperta a tutti


Sing&Song Home studio è dalla parte della Formazione per i giovani e per quanti vogliano crescere in un percorso che li aiuti ad arricchire di più la propria conoscenza musicale. L’associazione Sing&Song home Studio di Battipaglia che si occupa di promuovere la musica e la sua conoscenza attraverso eventi, workshop e tanto altro, partirà con delle masterclass a cadenza bimestrale che vedranno la partecipazione di docenti che si occupano di formazione da anni, che sono esperti in tecnica vocale, musica, pedagogia musicale, composizione, ecc. Vi presentiamo oggi una delle masterclass che partirà con il nuovo anno che è quella del Vocal Jazz training e Vocal Creation Zone.

Vocal Jazz training è un metodo, sviluppato dalla docente Stefania Patanè, che consiste in uno specifico addestramento volto a migliorare l’abilità tecnica dello strumento voce nello scat e ad affinare i vari elementi musicali caratteristici del jazz. E ancora il Vocal Creation Zone, una Master Class di Improvvisazione Vocale e Circle Singing, per cantanti e strumentisti. Stefania Ptanè è una cantante jazz, compositrice, docente di canto jazz ed esperta di tecnica vocale oltre ad essere anche EVT Certified Master Teacher.

Abbiamo chiesto a Claudia Cappabianca, insegnante di canto e direttore artistico dell’area canto e voce della Sing&Song Home Studio, perché ha scelto Stefania Patanè e perché una masterclass sul canto Jazz? “L’incontro con Stefania – ci racconta Cappabianca – risale a circa sei anni fa quando ho intrapreso il percorso di studi con il metodo Evt, lei è stata la mia docente e preparatrice d’esame alla certificazione CFP.

Sono stata sua allieva e fatto poi successivamente anche io i corsi che attualmente propone in Italia per il jazz anche a Roma con Bob Stoloff. Una docente completa e affascinante, preparatissima e soprattutto innamorata del suo lavoro, cosa rara da trovare oggi”.

“Per la nostra Associazione – continua Claudia – abbiamo scelto tutti docenti che credono nella musica e nel proprio lavoro, e sono davvero interessati a formare e a vedere i risultati nei propri allievi. Perché proprio il canto jazz? Perché ancora troppa ignoranza e poche offerte formative sulla materia se non nei conservatori quindi vogliamo dare la possibilità di formarsi anche al di fuori e cercare di far spazio al jazz con metodi innovativi e soprattutto pratici. Ma ci sarà spazio anche per il Gospel, il Pop e un ciclo di Training path in educazione musicale con un approccio educativo pratico e globale (gioco, corpo, relazione, creatività etc.) ma ve ne parlerò un’altra volta”.

Per gli appassionati della musica jazz non perdete il concerto di Francesco Cafiso, qui le informazioni, i biglietti.

Per ricevere le ultime news di Ultime Notizie Flash direttamente su Facebook Messenger clicca qui

Commenta l'articolo