Sarah Scazzi ultime notizie, su Facebook pubblicate foto inquietanti

Le ultime notizie sulla morte della piccola Sarah Scazzi non ci dicono come possano essere andate realmente le cose, anche se stiamo cercando di capirlo da mesi. Si ritorna indietro, a quel lontano e afoso mese di agosto, a poche ore dopo la sua scomparsa e si scopre che qualcuno, in quelle ore, aveva pubblicato su facebook delle foto inquietanti. Le notizie di queste foto circolano ormai da qualche giorno e anche il programma di rai 3, Chi l’ha visto, nella puntata andata in onda ieri ha cercato di capire cosa possa essere realmente successo. Non si tratta infatti solo di una fotografia ma di più foto che sembrerebbero dirci che qualcuno sapeva e forse stava cercando di dirlo anche agli altri oppure, si stava semplicemente divertendo dimenticando che una ragazza di 15 anni era in quei giorni scomparsa. Nessuno infatti ancora sapeva dove fosse Sarah, solo il suo assassino o i suoi assassini potevano sapere come fosse morta e dove si trovasse. Ma che genere di foto sono state pubblicate sulla pagina di facebook?

Cerchiamo di fare chiarezza: le foto sono state pubblicate sulla pagina facebook Regen gestita da Antonella Spinelli una cugina di Sarah Scazzi. Oggi possiamo vedere solo la prima pubblicata mentre delle altre sappiamo poco.

La prima foto pubblicata proprio il 26 agosto e quindi giorno in cui Sarah Scazzi scompare è quella di un manichino legato con delle corde. Oltre alla foto ci sarebbero poi delle frasi molto strane che comunque gli inquirenti stanno cercando di analizzare.

Poi ci sarebbe una seconda foto che mostra una bambina bionda che galleggia in un pozzo. Bionda come Sarah e ricordiamo che la piccola è stata gettatata in un pozzo dopo esser stata uccisa.

Della terza non si sa nulla ma si sta cercando di recuperare queste foto che erano state cancellate.

Tre foto che non possono essere solo una semplice coincidenza, tre foto che sembrerebbero ricostruire quello che è successo a Sarah in quel lontano 26 agosto 2010.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.