Sarah Scazzi ultime notizie: Michele Misseri smentisce ancora

Non trova pace il cadavere della piccola Sarah Scazzi, la quindicenne scomparsa da Avetrana la scorsa estate, ad agosto, e ritrovata morta due mesi dopo grazie alla confessione dello zio, Michele Misseri, un contadino di Avetrana. Com’è noto, Michele Misseri oggi è considerato inattendibile dalla Suprema Corte, in seguito alle troppe versioni diverse tra loro rilasciate negli interrogatori. Attualmente in carcere per l‘omicidio della piccola Sarah ci sono la cugina Sabrina, figlia di Michele, e la moglie di quest’ultimo, Cosima Serrano. Fino a qualche sera fa, Michele Misseri aveva dichiarato davanti alle telecamere di Matrix di essere stato lui il colpevole, e aveva descritto il luna park dell’orrore nei minimi particolari, per certi aspetti inquietanti. Oggi il contadino di Avetrana smentisca di nuovo: il colpevole è ancora in prigione. Vediamo le ultime notizie.Nella gioranata soleggiata di oggi, Misseri è uscito in giardino, a potare gli alberi: il richiamo dai campi per il contadino che non lavorava da otto mesi, è troppo forte. E mentre lavorava in giardino si sono appostati davanti al cancello della villetta degli orrori alcuni giornalisti. Lui, evidentemente in stato di confusione mentale, si intrattiene con Filomena Rorro, inviato di Quarto Grado: «Andrò sulla tomba di Sarah quando verrà fuori chi è stato ad ucciderla», dice Michele.

Ma non ha fatto in tempo a dire di più, appena Valentina capisce che sta parlando troppo esce in giardino a gridare contro i giornalisti: «Mio padre non deve parlare più, state sempre davanti a casa, andate via». Michele ha continuato, dicendo che i magistrati stanno lavorando per vedere chi è l’assassino. E ha dichiarato la sua volontà di andare a parlare con la cognata Concetta Serrano Spagnolo, la madre di Sarah.

I legali della famiglia Scazzi intanto, dopo le dichiarazioni rilasciate a Matrix dal contadino, pensano ad una denuncia per autocalunnia.

Sm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.