Foggia, ragazza muore cadendo da una giostra

Aveva solo 23 anni Giuseppina Valentina e in pochi attimi una caduta le ha spento per sempre il sorriso. La giovane ragazza di Lucera, in provincia di Foggia, era insieme ad un gruppo di amici per una occasione che molto probabilmente in estate tutti attendono con entusiasmo: la festa patronale. Giorno in cui ogni paese, piccolo o grande che sia, si riempie di colori, luci e odori. Una presenza quasi impossibile da non notare in queste feste sono i luna park, le giostre con suoni e frastuoni  che  èrichiamano l’attenzione di chi ha solo voglia di divertirsi nella maniera più semplice ritornando bambini per brevissimo tempo.

Per Giuseppina la voglia di salire su quelle giostre è stata fatale. Ma chi penserebbe mai che salire su una giostra è così pericoloso? Invece la ventitreenne è morta ieri nell’ospedale di Lucera dopo un volo da una delle attrazioni presenti, da una gabbia volante.

Erano le 2.30 di notte e la ragazza insieme ad alcuni amici era salita per fare un giro su “Adrenalina Xtreme”, forse ha perso l’equilibrio, forse le misure di sicurezza non c’erano tutte, ma lei è caduta dall’altezza di oltre sei mesi. Cadendo ha riportato una ferita sul fianco destro causata dall’impatto con un palo metallico, ferita che apparsa subito grave. Immediati sono arrivati i soccorsi, l’ambulanza che l’ha condotta subito all’ospedale Lastaria, ma per la giovane donna era ormai tutto inutile, troppo gravi le lesioni riportate.

La giostra è stata posta ovviamente sotto sequestro e i carabinieri hanno subito avviato le indagini volte a scoprire il perché di tale tragedia. Sembra che la giostra in questione fosse stata sottoposta a revisione da poco tempo. Allora perché la ragazza è caduta? Sembra che fosse in notevole sovrappeso, dunque, è necessario capire se fossero state adottate tutte le misure necessarie da parte di chi gestisce la giostra, un ottovolante trasformatosi in trappola mortale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.