Ladri, il libro che smaschera gli evasori e i politici che li proteggono

Il giornalista dell'Espresso smaschera gli evasori e i politici che li proteggono. Accuse pesanti al centrodestra di Silvio Berlusconi e al Movimento di Beppe Grillo

Stefano Livadiotti è un giornalista e scrittore classe 1958, firma dell’Espresso dai primi anni ottanta, già autore di diversi libri inchiesta che hanno fatto scalpore e che hanno destato grande successo e interesse. Ora, con il suo Ladri – Gli evasori e i politici che li proteggono Livadiotti ci racconta il cancro della nostra economia: l’evasione.

“Il fisco – si legge nella scheda del libro edito da Bompiani – conosce per nome e cognome tutti coloro che non pagano le tasse scavando ogni anno un buco di 180 miliardi nel bilancio dello Stato. Con i dati di cui dispone potrebbe stanarli subito, costringendoli a restituire quanto hanno rubato alla collettività. E sarebbe così in grado di abbassare la pressione fiscale sui contribuenti onesti. L’evasione è il cancro della nostra economia. Ma basta passare in rassegna le leggi che dovrebbero combatterla per capire che in Italia la lotta a un fenomeno senza uguali in altri paesi è solo una farsa. Il sistema è congegnato proprio per consentire ai contribuenti infedeli di non rischiare nulla. Perché i ladri di tasse sono anche elettori. E votano compatti come nessun’altra categoria. Perciò, sono protetti da una potentissima lobby politica. Che ha il suo zoccolo duro nel centrodestra“.

Livadiotti, che da venticinque anni si occupa di economia e di politica con inchieste, interviste e reportage, lo dimostra svelando chi ha scritto, proposto e votato quelle leggi che lasciano certezza di impunità agli evasori. Il lavorio di Berlusconi & Co. ha dato i suoi frutti: uno studio condotto in esclusiva per questo libro fa vedere come l’evasione sia sempre salita con i governi di centrodestra e scesa quando a comandare era il centrosinistra. E la lobby che ha fatto gli interessi dei contribuenti infedeli ha ottenuto il suo tornaconto. L’analisi dei flussi elettorali esaminati da Livadiotti dal 1994 al 2008, dice che il voto degli evasori è sempre stato alla base dei successi di Berlusconi. Questo, fino al 2013, quando i ladri di tasse sono passati armi e bagagli con Beppe Grillo. Scandalo nello scandalo, la casta della politica ha concesso un formidabile privilegio ai suoi rappresentanti in parlamento. “Se un comune mortale guadagnasse quanto loro, la sua aliquota media arriverebbe al 39,4. Quella di Lor Signori – scrive il giornalista – è appena del 18,7 per cento”.

La tesi di Livadiotti, che, espressa nel corso di Ballarò gli ha già causato critiche dal Movimento 5 Stelle e la menzione sul blog di Grillo come “Giornalista del giorno”, è che Berlusconi sia stato costretto dalla crisi a tradire le promesse elettorali, costringendo la sua base a passa in massa con il Movimento populista dell’ex comico. Questa sera le Iene manderanno in onda un servizio dedicato al giornalista.

“Gli automi – spiega l’autore – dichiarano redditi da fame, eppure in Italia ci sono 2,7 milioni di auto di lusso e 600 mila barche. Se non bastasse, l’Italia è il quinto mercato al mondo per vendita di Bmw e il sesto per vendite di champagne. Insomma, la nostra ricchezza è vicina a quella degli svizzeri. Non è certo da questi politici – avverte Livadiotti – che si può aspettare una seria guerra ai ladri di tasse, per l’ottimo motivo che Lorsignori lo sono per primi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.