Earth Hour 2011, restiamo al buio per un’ora


Sarà stasera l’Ora della Terra-Earth Hour 2011. Si tratta di una iniziativa piuttosto particolare, organizzata per il quarto anno di fila dal WWF. Dalle ore 20.30 alle 21.30 tutti i Paesi e le città aderenti all’iniziativa-si stima di poter arrivare al miliardo di partecipantispegneranno le luci per un’ora.

Lo scopo: ridurre il consumo energetico e quindi l’inquinamento luminoso, consentendoci una volta tanto di vedere le stelle; ma anche diminuire l’emissione nell’atmosfera dell’anidride carbonica che è il principale dei “gas serra”.

Questa sorta di “maratona di buio” inizierà nel Pacifico, sulle Isole Chatham e farà il giro del mondo coinvolgendo circa 130 Paesi in tutto il globo passando dalle isolette nell’oceano all’Asia, quindi sarà la volta di Europa e Africa, poi l’America e infine di nuovo nel Pacifico sulle Isole Samoa.


Tra le iniziative più caratteristiche di questo evento ci sarà l’oscuramento dei principali monumenti mondiali e dei simboli delle nazioni partecipanti: in Italia si spegneranno tutte le principali città con i loro monumenti: dal Duomo di Milano alla Basilica di Superga a Torino, dal Colosseo a Palazzo Vecchio a Firenze.

Stefano Leoni, presidente di WWF Italia, afferma che nel nostro Paese esistono già modelli di urbanizzazione ecosostenibile e che dovrebbero essere diffusi in tutti i centri dello stivale per far sì che ne possiamo guadagnare in quanto a consumo energetico, qualità della vita e addirittura dal punto di vista economico.

La speranza è che questo futuro non sia lontano e che l’Ora della Terra sia un passo in questa direzione.

Andrea Speziale


  • Tag

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close