Finti terremotati a Forum scatenano le polemiche


Ennesimo caso nato su Facebook, rimbalzato sul web per finire in polemica su tutti i giornali: due ragazzi finti terremotati partecipano a Forum e scatenano l’ira dei veri terremotati abruzzesi. A dieci giorni dall’anniversario del terremoto in Abruzzzo, che il 6 aprile 2008 devastò il capoluogo abruzzese,esplodono le polemiche a L’Aquila per la trasmissione Forum in onda su Mediaset, dove sono stati protagonisti due sedicenti terremotati aquilani, in particolare una donna, (che esattamente  in idioma aquilano non parlava…) e che tra le altre cose ha affermato: L’Aquila è tutta ricostruita, tutti hanno avuto le case con il giardino e con il garage, chi sta ancora in albergo è perchè gli fa pure comodo, perchè mangiano, bevono e non pagano niente, e pure io ci vorrei andare…Affermazioni da aula giudiziaria vera, non quella posticcia di Forum.

Questo uno dei tanti commenti postati su facebook:

”Sono SCHIFATA dalla signora Marina la fioraia che ha  partecipato a Forum si è spacciata per AQUILANA, con un FINTO EX MARITO, per un NEGOZIO DISTRUTTO MAI ESISTITO, permettendosi persino di dire che L’Aquila non è come dicono, MA E’ TORNATA COME PRIMA, aggiungendo quintalate di cazzate tra cui quella delle commissioni saltate a causa della morte di coppie a cui doveva allestire il matrimonio! VERGOGNA”.


La storia. Venerdì 25 marzo su Canale 5 «Forum» affronta una causa tra moglie e marito, abruzzesi separati che si presentano come Marina e Gualtiero. La donna ha dovuto chiudere l’attività di abiti da sposa e chiede al coniuge 25 mila euro per rilanciarla. Lui rifiuta, dice che L’Aquila è distrutta e l’investimento fallirebbe. Marina però insiste, sostiene che «tutte la attività hanno riaperto» e per due volte loda Berlusconi: «Vorrei ringraziare, non lo so se posso, il presidente… Non ci ha fatto mancare niente». E la Dalla Chiesa: «Il governo, certo». Riprende Marina: «Questi hanno la casa coi giardini, coi garage…». Il marito si oppone, per lui «L’Aquila è tutta una maceria». E lei: «Non è vero, sta tornando come prima».
La conduttrice ringrazia Guido Bertolaso e pazienza, dice, se si attirerà «le ire di tutti». E quando si spegne l’applauso per l’ex capo della Protezione civile, la signora Marina mette a dura prova la pazienza dei sopravvissuti: «Dentro gli hotel sono rimasti in tre, quattrocento. E gli fa pure comodo. Mangiano, bevono e non pagano niente, pure io ci vorrei andare». I blog si scatenano. «Io sono di Popoli – scrive Alessio – e posso confermare che la signora è di qui, ma non fa la sarta e quello non è il suo ex marito». La Pezzopane accusa Mediaset di aver usato «protagonisti non aquilani», la cui storia «non è mai esistita». E chiede che Dalla Chiesa vada a vedere «come muore la gente». Ma la conduttrice sente di avere la coscienza a posto. «È una bufala, la Pezzopane si guardi la trasmissione». È vero che i due non sono aquilani? «Alzo le mani, non posso chiedere a tutti la carta di identità». Non era uno spot ideato a tavolino? «No, io non ci sto, sono sempre stata equidistante – smentisce Dalla Chiesa -. Ho fatto puntate interi sugli aiuti, ho persino mandato i peluche ai bambini… Vergogna a me? No, io non l’accetto».

Rita Dalla Chiesa è arrabbiata e offesa. Nessuno la può accusare di aver insultato i terremotati, si difende la conduttrice di «Forum», perché lei, giura, «spot per Berlusconi» non ne ha mai fatti in vita sua.
L’assessore alle politiche sociali Stefania Pezzopane (Pd) si scaglia contro la giornalista di Mediaset. La accusa di aver ospitato in tv due «falsi» aquilani e di aver dato voce «a una devastante rappresentazione di una tragedia». Il sito www.quotidianodabruzzo.it rilancia lo sfogo della ex presidente della Provincia e in 48 ore registra oltre 18 mila contatti e duecento commenti. Indignazione, rabbia, insulti. Non dimentichiamo però che non stiamo parlando di un tema qualunque sulla gestione dei fondi in Italia, ma di un capitolo della storia d’Italia triste e complicato, che ha ancora delle ferite aperte, come si evince dal clamore suscitato, un tema che fa ancora male, soprattutto agli aquilani.

Giusy Cerminara


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close