Esodo per le vacanze, oggi sulle autostrade è bollino nero

Esodo autostrade da bollino nero – Oggi, 6 agosto 2011, sono migliaia gli italiani che hanno deciso di mettersi in viaggio per raggiungere i luoghi più belli dell’Italia dove poter passare le vacanze estive. La giornata di oggi è, come quella di sabato scorso, da bollino nero. Sin dalle prime ore di questa mattina infatti, ci sono stati code e rallentamenti, soprattutto sulle autostrade della Lombardia. In effetti il problema più grande è al nord, dove moltissime persone hanno deciso di mettersi in viaggio per raggiungere le città del centro e del sud Italia, dove passare le vacanze. Vediamo insieme gli ultimi aggiornamenti. In particolare, secondo le forze dell’ordine e gli enti autostradali, due chilometri di coda, in aumento, si trovano a Milano, all’imbocco dell’A1 verso Bologna in direzione della costa adriatica. Altre code sono poi presenti in A1 tra Casalpusterlengo e Lodi con rallentamenti anche in Emilia-Romagna. Sull’A4 verso Brescia e Venezia, inoltre, si registrano code sempre in uscita da Milano e tra Brescia e il Lago di Garda. Il traffico è intenso anche sulle altre tratte autostradali. Nelle prossime ore, secondo quanto riferiscono gli enti autostradali, ci sarà un traffico con flussi molto elevati, che non cesserà di esistere fino alle ore 22, su tutte le autostrade. Dunque bollino nero su tutta l’Italia ma in particolare sulle autostrade della Lombardia, come dicevamo prima, sulla Salerno-Reggio Calabria, dove già dalle prime ore della notte di oggi, 6 agosto 2011,si sono registrati rallentamenti. Sul tratto interessato è stato poi raggiunto un picco di traffico di oltre 4000 veicoli l’ora nella parte iniziale dell’autostrada e, soltanto nelle ultime 7 ore, sono transitati complessivamente oltre 24000 veicoli. Traffico record anche sulle autostrade che collegano l’Italia a Croazia e Slovenia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.