I Marò tornano a casa per Natale, solo per due settimane

La Corte del Kerala ha deciso: ha accolto la richiesta avanzato dallo Stato italiano, per far ritornare i due marò detenuti in India, almeno per Natale, a casa. Dunque i marò saranno in Italia grazie ad un permesso speciale, per poter riabbracciare i propri cari e riunirsi a loro, per festeggiare il Natale. Massimiliano La Torre e Salvatore Girone però, dopo le due settimane, dovranno ritornare in India e affrontare il processo per la morte dei due pescatori indiani, avvenuta ormai dieci mesi fa. Per la licenza natalizia concessa ai due marò dovrà essere lasciata una garanzia finanziaria di 60 milioni di rupie, pari a oltre 826 mila euro. Il console generale Gianpaolo Cutillo ha spiegato: “La nostra istanza è stata accolta con alcune condizioni che dovremo meglio verificare dalla lettura dell’ordine”.

Il Ministro degli Interni Terzi ha continuato: “E’ con grande sollievo che abbiamo avuto la notizia della concessione del permesso ai nostri due marò trattenuti in india di trascorrere le festività natalizie in italia: si è trattato di una prova di sensibilità indiana per i valori più sentiti dal popolo italiano e dalla nostra gente”.

Anche il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo è intervenuto, su SkyTg24: “E’ una grande soddisfazione che i nostri due connazionali trascorrano il periodo natalizio in Italia con le loro famiglie”.

Fra i documenti consegnati alla Corte del Kerala per consentire il ritorno di due settimane dei marò in Italia, c’è una lettera di impegno formale firmata dal ministro degli Esteri Giulio Terzi, con l’impegno “a predisporre ogni mezzo, nell’ambito dei poteri costituzionali di cui dispone il governo, affinché i marò tornino in India alla fine delle due settimane di eventuale licenza”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.