Niccolò Bettarini parla per la prima volta dell’ospedale e racconta la sua versione dei fatti


All’alba del primo luglio, Niccolò Bettarini figlio di Simona Ventura e di Stefano Bettarini è stato aggredito e picchiato selvaggiamente davanti a una discoteca di Milano. Il ragazzo 19 anni, è stato anche accoltellato, senza un apparente motivo. In questi giorni per lui hanno parlato sua mamma Simona e suo padre Stefano ma proprio questo pomeriggio, dall’ospedale Niguarda presso il quale è ancora ricoverato, Niccolò racconta per la prima volta la sua versione dei fatti. “Mi ha dato alcuni buffetti sulla faccia cercando di provocarmi, io ho provato a respingerlo, ma mi sono trovato immediatamente in mezzo a più di dieci persone e non ho capito più nulla“.  Inizia così il racconto che Niccolò Bettarini,  figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini, aggredito all’aba di domenica all’esterno dell’Old Fashion, noto locale di Milano ha fatto ai giornalisti di Tgcom24.

NICCOLO’ BETTARINI DALL’OSPEDALE RACCONTA L’AGGRESSIONE SUBITA: LE SUE PAROLE

L’aggressione, secondo il racconto di Niccolò sarebbe iniziata appunto con questi buffetti, dati da Albano Jakej, 23enne di origine albanese. Uno dei 4 fermati per il pestaggio, insieme con Davide Caddeo, Alessandro Ferzoco e Andi Arapi. Per loro l’accusa è di tentato omicidio, saranno interrogati dal gip per la convalida del fermo. Secondo i verbali, avrebbero agito insieme “con almeno altre sei persone”, in corso di identificazione. Secondo la ricostruzione fatta anche da chi indaga, in merito all’aggressione, Niccolò sarebbe stato aggredito solo perchè figlio di Simona e Stefano, due personaggi del mondo dello spettacolo. 

Il ragazzo continua così il suo racconto: “Sono caduto a terra  e quando Zoe è venuta a soccorrermi le è arrivato un calcio in faccia. Subito dopo sono scappati tutti” ( leggi qui le parole di Zoe) .Questo il racconto del 19enne, ancora ricoverato all’ospedale Niguarda del capoluogo lombardo, dove ha subito un’operazione a un nervo, perché una di quelle 11 ferite da taglio che gli sono state inferte, è riuscita ad arrivare più in profondità. Zoe, l’amica che era con lui quella sera, ha cercato di difenderlo. E anche lei ha sentito quelle parole: “Sei il figlio di Bettarini, ora ti ammazziamo”.

Oltre ai futili motivi legati al fatto che Niccolò era un personaggio, famoso, secondo gli aggressori, ci sarebbe anche una litigata lasciata in sospeso che aveva visto protagonista, sempre il solito gruppetto e un amico di Bettarini. E’ la giovane a testimoniare che Niccolò è stato prima preso a calci e pugni. Poi, una volta a terra, ferito con un’arma da taglio, non ancora ritrovata. La stessa che uno degli aggressori era riuscito a introdurre nel locale. Ed è per questo motivo che al momento, la questura di Milano ha deciso di mettere i sigilli alla struttura. 

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close