Ospedale di Castellaneta, medico tace sulla febbre e contagia altri 10 colleghi: “E’ uno sfacelo”

In questi giorni sono tante le notizie che ci lasciano sgomenti, che ci lasciano senza parole e non è semplice neppure comprendere quali siano reali e quali siano semplicemente inventate per fare qualche click in più. La prua delle bufale è sempre dietro l’angolo anche perchè, quando arrivano agenzie come questa, che riferiscono di un medico che ha contagiato altri colleghi, non parlando dei sintomi del coronavirus, si resta basiti. Si perdono le parole di fronte a storie come queste e ci si chiede quanto ci sia di vero. Purtroppo la vicenda, che oggi è stata riportata su tutte le testate giornalistiche pugliesi e non solo, è reale. Nell’ospedale di Castellaneta è successo quello che non dovrebbe accadere: ci sarebbero infatti più di dieci medici contagiati, e questo significa grande rischio per tutti i pazienti che sono entrati in contatto con loro negli ultimi giorni. Quello che lascia sconcerti è l’incipit di questo contagio. Un medico sarebbe andato in ospedale senza avvertire i colleghi dei sintomi del coronavirus, aveva, secondo quanto viene raccontato dai giornali pugliesi oggi, la febbre.

Da Bari Repubblica: “A provocarli – si apprende – sarebbe stato un medico, in servizio nello stesso ospedale San Pio,  andato nel nosocomio per sottoporsi ad un intervento e che e’ entrato nella struttura avendo gia’ la febbre, poiche’ aveva contratto il coronavirus.”

OSPEDALE CASTELLANETA SI TEME IL PEGGIO: DIECI MEDICI CONTAGIATI

“Quello che e’ accaduto e’ gravissimo, inaudito, inconcepibile. Un medico, che lavora in ospedale, e’ andato li’, in nosocomio, e invece di passare dal pre triage come prevedono la procedura e i protocolli, e’ andato regolarmente al pronto soccorso, come se nulla fosse, e da li’ e’ andato poi nei reparti”. Lo dichiara il sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti, che e’ anche presidente della Provincia di Taranto.

In questo stato di piena emergenza, si cerca di capire come comportarsi: “E’ accaduto uno sfacelo – prosegue Gugliotti – nel senso che diversi medici,di vari reparti, sono risultati contagiati. Ma era ovvio che potesse accadere. Hanno fatto all’ospedale di Castellaneta una cinquantina di tamponi e diversi sono risultati positivi. Ma non abbiamo finito con i tamponi perchè se ne faranno altri”.

Nelle prossime ore potrebbero arrivare decisioni importanti in merito all’ospedale ma anche ad altri luoghi che potrebbero essere interessati a misure di restrizione.

L’ira del sindaco tarantino: ” Anche se tu sei medico dell’ospedale di Castellaneta, non puoi, ribadisco non puoi, sottrarti ai protocolli. E’ invece questo è accaduto. Ma come? A Castellaneta stiamo facendo i salti mortali per garantire i servizi, consegnare i farmaci a domicilio, così anche la spesa alimentare, stare vicino a chi è in difficoltà, eppoi accadono cose come queste che ci mandano tutto all’aria!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.