La storia di Fernando ritrovato 8 anni dopo la sua scomparsa: scappato di casa dopo un litigio


E’ una storia incredibile quella che mercoledì sera è stata raccontata nella trasmissione Chi l’ha visto. E’ la storia di una famiglia che ha sempre sperato di poter riabbracciare il proprio figlio. E così a otto anni dalla scomparsa di un giovanissimo ragazzo, che si è allontanato da Roma, è arrivato anche grazie alla trasmissione di Rai 3 e ai suoi telespettatori, il lieto fine. Oggi Fernando spiega che cosa ha fatto in questi sei anni lontano da casa. “Mi chiamavano il romeno, questa cosa mi faceva stare male e dopo un litigio con mia madre ho deciso di andarmene”. A parlare, per la prima volta dopo il suo ritrovamento, è Fernando Vasile, il ragazzo scomparso otto anni fa da Palombara Sabina, in provincia di Roma. Aveva 16 anni quando se n’è andato. La sua famiglia ha continuato a chiedere l’aiuto di Chi l’ha visto e mercoledì è arrivata la bellissima notizia. Il giovane è stato ritrovato grazie alla trasmissione “Chi l’ha visto?” a Genova. E cosa ha fatto in tutti questi anni? “Mi sono comportato bene, ho vissuto di elemosine, Genova mi ha salvato” ha spiegato Fernando.

LA STORIA DI FERNANDO: SCAPPATO DI CASA OTTO ANNI FA RITROVATO A GENOVA

La mamma di Fernando ha sempre continuato a cercato anche se poi è tornata in Romania. Oggi il giovane è tornato in provincia di Roma, ospitato dai suoi zii ma vive a Genova, con una ragazza che ha conosciuto in questi anni. Durante l’epidemia ha iniziato a consegnare pacchi e continua a fare questo come lavoro. Al momento ha sentito sua mamma solo al telefono e le ha raccontato di come ha vissuto in quest anni. Intervistato dai giornalisti di Repubblica ha spiegato di essersi sempre comportato bene. Ha aiutato gli anziani, ha dato una mano a chi per strada aveva bisogno. E riusciva anche a racimolare, nei giorni migliori una cinquantina di euro.

I suoi zii molto felici di averlo trovato, gli hanno anche offerto un nuovo lavoro per restare a Roma. Adesso a lui la scelta!

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close