Ristoranti, pizzerie, bar, pasticcerie: cosa si può o non si può fare in zona rossa?

Sono al momento 4 le regioni che il Governo ha “proclamato” zona rossa. Quattro le regioni alle quali nelle ultime ore si è aggiunto anche il Trentino Alto Adige. Da giorni quindi cerchiamo di capire cosa si possa o cosa non si possa fare in queste zone. Sul sito ufficiale del Governo, sono state pubblicate delle FAQ, domande frequenti con risposte ufficiali, che cercano di fare chiarezza in merito a quello che si può o non si può fare, in zona rossa. Ci concentriamo in questo articolo, principalmente su quello che succede nei ristoranti, nelle pizzerie, nei bar e delle pasticcerie che, come saprete, in zona rossa rispettano delle regole molto ferree. Le restrizioni sono tante, cerchiamo quindi di fare chiarezza.

Nella mia area sono aperti ristoranti, pizzerie, pasticcerie e altre attività di ristorazione?

È consentito il consumo di cibi e bevande al loro interno? 

In quest’area, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario, ma che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

È consentito entrare o restare all’interno di bar, ristoranti e degli altri locali adibiti alla ristorazione (pub, gelaterie, pasticcerie…), se è sospeso il consumo di cibi al loro interno? 

Nelle aree o negli orari in cui è sospeso il consumo di cibi e bevande all’interno dei locali (si veda la faq precedente), l’ingresso e la permanenza negli stessi da parte dei clienti sono consentiti esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio. Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

Sono sospese le attività di somministrazione di alimenti e bevande e di ristorazione svolte da centri culturali, centri sociali e centri ricreativi a favore del proprio corpo associativo?

La sospensione di attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi include anche la sospensione delle attività interne di somministrazione di alimenti e bevande e di ristorazione a favore del proprio corpo associativo, trattandosi di una attività subordinata e collaterale rispetto alla attività principale.

Gli esercizi presenti sulle strade che non siano autostrade, possono restare aperti oltre le 18 ?

No, possono restare aperti oltre le ore 18 solo gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.