Fiat, la Fiom attacca Marchionne: “Vuole cancellare i diritti dei lavoratori”


fiat

La Fiat e i suoi progetti industriali sempre al centro delle polemiche. La Fiom attacca Sergio Marchionne lancia l’allarme: l’azienda si sta decentrando sempre di più e il posto di lavoro degli operai italiani è sempre più a rischio. “La governabilità delle fabbriche, gli intoppi al progetto Fabbrica Italia, sono scuse per non dire che Marchionne non ha un vero piano industriale. Che sta investendo in Polonia e in Serbia e che c’e un depotenziamento delle attività in Italia”. E’ quello che ha dichiarato all’Ansa Maurizio Landini, segretario generale della Fiom.

Il sindacalista vede messi in discussione i diritti acquisiti dai lavoratori nello scorso secolo e, preannunciando scioperi, dichiara: “Si apre una fase di lotta. Chiediamo una vera trattativa, perchè finora c’è stato solo un ricatto. Marchionne deve capire che deve applicare i contratti e accettare la contrattazione. Mirafiori e Pomigliano cancellano il contratto nazionale e la contrattazione in azienda. Deve accettare una trattativa vera: in Italia lo sciopero è un diritto, così come essere pagati in caso di malattia. Con i suoi ‘regolamenti’ Marchionne ha cancellato la libertà dei lavoratori di organizzarsi in sindacato. Cancella 50 anni di storia sindacale e introduce un sindacato corporativo e aziendale”.

Landini ha anche attaccato il governo per la sua inettitudine e ha parlato con favore dell’arrivo di case automobilistiche straniere in Italia: “In Germania e Francia i diritti dei lavoratori vengono rispettati anche dai nuovi contratti stipulati”.


Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close