Juventus, perde anche con il Milan: crisi nera

“Alla Juventus vincere non è importante, è la sola cosa che conta”

Questo era uno degli striscioni che abbiamo visto ieri sera durante la partita di campionato giocata tra Juventus e Milan. Il 28esimo turno non ha portato bene alla Juve che perde di nuovo: la crisi non è nera…Di più…

Vincere, una parola che alla Juventus si fa fatica a pronunciare. Dopo la sconfitta con il Bologna è arrivata un’altra partita deludente per la squadra di Del Neri. Quella con il Milan era considerata l’ultima spiaggia sia  per restare in corsa per un posto in Champions sia per Gigi Del Neri che a questo punto rischia davvero il posto. A fine partita l’allenatore bianconero ha affermato che non si sente affatto in discussione e che continuerà a fare il suo lavoro. A questo punto, a meno che non sia la società a prendere una decisione, Del Neri dovrebbe restare l’ allenatore della Juventus. Molti danno ormai per conclusa l’ avventura di Del Neri a Torino.

I nomi che più vengono accostati alla squadra del presidente Agnelli sono quelli di Spalletti e Capello. Serve una scossa per far risplendere un ambiente che ormai è pieno di tensioni. La squadra vista in campo ieri sera è stata la brutta copia di quella scesa in campo contro l’ Inter, con poca grinta ed a tratti del tutto assente. L’ atteggiamento dei tifosi sia nel pronunciare il nome di Moggi che nel cantare ironicamente “vinceremo il tricolor”, fa capire che avanti cosi non si può andare. La Juventus in questi ultimi due anni sta raggiungendo record negativi mai visti prima. Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione del genere dopo tutti gli anni passati a vincere vedendo un bel calcio. Ritornare a vincere, quello che tutti i tifosi sognano da ormai troppo tempo. Per ora può solo essere un sogno chissà che non diventi realtà.

Fusco Davide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.