Serie A 35esima giornata risultati, Milan vince ma non festeggia


Serie A 35esima giornata risultati- Una giornata, quella di oggi, con nessun verdetto. Il Milan, con la vittoria dell’Inter di ieri, non ha potuto festeggiare lo scudetto, avendo bisogno ancora di un punto per la matematica certezza. L’Udinese crolla a Firenze e vede svanire i sogni Champions. In coda, invece, ci sono stat importanti vittorie per il Chievo, il Parma e il catania, mentre la sfida salvezza tra Sampdoria e Brescia si è conclusa 3-3. Ecco tutti i risultati delle partite giocate nel pomeriggio di oggi 1° maggio 2011.

Milan-Bologna 1-0

L’Inter, con la vittoria negli ultimi minuti a Cesena, ha rovinato la festa ai cugini del Milan, che avevano già iniziato a sentire l’odore dello scudetto. Invece, i rossoneri, nonostante la vittoria, seppur di misura, sul Bologna di oggi, devono attendere la settimana prossima e basterà anche il pari, mancando un solo punto per la certezza matematica. Il Milan si porta in vantaggio dopo 8 minuti con Flamini che, dopo una bella azione dei rossoneri, mette dentro in due battute. I rossoneri potrebbero raddoppiare 10 minuti più tardi con Cassano che si mangia un gol da posizione ottimale: era solo davanti al portiere. Il resto è sempre Milan, con prima Boateng e poi ancora Flamini che sfiorano il raddoppio. Nella ripresa i rossoneri rischiano di subire il pareggio in più di un’occasione, ma alla fine riescono a spuntarla. La festa è rimandata, non annullata: lo scudetto è molto più vicino adesso.

Fiorentina-Udinese 5-2


Dopo un campionato straordinario, l’Udienese crolla sul più bello. Brutta sconfitta quella subita al Franchi dai friulani contro la Fiorentina, sconfitta che segue quella contro il Parma per 2-0 ad Udine. La Fiorentina parta a razzo, portandosi in vantaggio al 9′ con Vargas su assist di Cerci, che fa una grandissima azione e mette dentro per il compagno che non sbaglia. Al 22′ c’è il raddoppio con D’Agostino. Nel primo tempo, l’Udinese accorcia con Pinzi che, al 29′, fa un gran gol in mezza rovesciata. I secondo tempo inizia come il primo, con la Fiorentina che mette a segno il 3-1 ancora con D’Agostino. L’Udinese risponde con Asamoha al 57′ che la mette dentro da due metri. Nel finale l’Udinese crolla, la Fiorentina ne approfitta e al 71′ e all’86’ va a segno con uno straordinario Cerci, che realizza così la doppietta personale.

Parma-Palermo 3-1

Importante vittoria del Parma in chiave salvezza, sconfitto 3-1 il Palermo. I padroni di casa si portano subito in vantaggio, al 2′, con Dzemaili: gol fortunoso, con Sirigu che colpisce il centrocampista avversario con un rinvio, nel rimpallo la palla finisce in rete. Il Parma raddoppia al 18′  con Modesto, che mette a segno il suo primo gol in maglia gialloblù. Al 57′ il Palermo accorcia le distanze con Pastore, che la mette dentro con un tap-in dopo che la conclusione di Cassani si era stampata sul palo. In chiusura c’è anche tempo per il 3-1 del Parma, con Candreva.

Chievo-Lecce 1-0

Anche per il Chievo, questa è una vittoria importantissima in chiave salvezza. La squadra allenata da Stefano Poli supera, in casa, il Lecce grazie ad un gol di Rigoni. Con questi tre punti il Chievo si porta a +7 dalla terzultima. La permanenza in Serie A è più vicina.

Sampdoria-Berscia 3-3

Altra partita importante in coda alla classifica, una partita ricca di emozioni, che allontana sempre di più il Brescia dalla Serie A e che non decide niente per Sampdoria, che riesce ad agguantare il pareggio solo al 90′. Il Brescia si porta in vantaggio con Eder al 50′, la Samp risponde subito con Pozzi. Dopo 3′ il Brescia si porta nuovamente in vantaggio grazie al primo dei due gol di Caracciolo, ma ancora una volta i doriani rispondono immediatamente, questa volta con Tissone. All’84’ il Brescia riesce a portarsi nuovamente in vantaggio, ancora con Caracciolo, ma al 90′ Mannini pareggia.

Catania-Cagliari 2-0

Il Cagliari, dopo un buon campionato, sta rovinando tutto e oggi ha rimediato l’ennesima sconfitta in questo finale di stagione, nonostante ciò la salvezza è già sicura. Il Catania, d’altro canto, ha un gran bisogno  di questi tre punti, in modo da portarsi a 40 punti e poter respirare aria pulita, pulita da quella minaccia chiamata retrocessione. I due gol arrivano nell’ultimo quarto d’ora con Silvestre e Bergessio.


Leggi altri articoli di News Sport

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close