Inter scudetto 2006, Moratti appello ai tifosi: stiamo calmi

Inter e lo scudetto del 2006: l’ombra di Calciopoli investe il club neroazzurro. Massimo Moratti lancia l’appello ai tifosi: bisogna stare calmi mentre qualcuno chiede che l’Inter rinunci allo scudetto per mettere finea tutta questa storia. Una pagina di calcio non giocato che in pochi si aspettavano, o meglio, forse gli interisti no, ma chi sapeva come andavano le cose non aveva mai capito come mai solo l’Inter non avesse pagato. Evidentemente la frase chi è senza peccato scagli la prima pietra era alquanto azzeccata ma mentre la Juventus retrocedeva, giustamente in serie b, mentre al Milan venivano giustamente tolti punti, mentre altre squadre pagavano, il club di Moratti era l’unico che si era comportato in modo corretto. Questo quello che all’epoca venne fuori. Palazzi dopo 5 anni non la pensa così. Anche l’Inter commise illecito sportivo. Ormai è tardi. Un sasso sulla questione e via. Ma i tifosi non ci stanno, se non abbiamo fatto nulla perchè prenderci queste accuse, e soprattutto, perchè rischiare di perdere uno scudetto?

Per Giacinto, ricordiamoci il suo carattere dolce, leale e mai violento. Comportiamoci come se ognuno di noi fosse una parte di Lui. Nessuna reazione eccessiva, solo calma, pazienza e fiducia nella nostra integrità”.

Queste le parole che possiamo leggere sul sito dell’Inter. Parole di Massimo Moratti che crede nel fatto che l’Inter debba uscire in modo pulito da questa storia come era uscita pulita qualche anno fa. Nessun reato, nessun illecito c’è stato. Ma le intercettazioni ci sono come c’erano anche in passato. Se dobbiamo far finta di non sapere allora questo diventa un altro discorso.

Forse i tifosi interisti farebbero bene a rendersi conto di quello che è successo. Farebbero bene a ringraziare per non aver pagato in passato. Se le accuse fossero vere l’Inter avrebbe meritato la stessa punizione della Juventus e allora forse la storia del nostro calcio sarebbe andata in modo diverso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.