Londra 2012, anche il fioretto maschile è d’oro

Dopo la grande soddisfazione arrivata dal fioretto femminile con tre medaglie individuali e quella d’oro nella gara di squadra, anche per i maschietti arriva un ottimo risultato. La medaglia d’oro è per la nostra Italia: è di Cassarà, di Baldini e di Avola che in finale battono il Giappone compiendo una nuova grandissima impresa. Una gara insolita quella tra la squadra azzurra e i ragazzi nipponici, mai prima infatti si erano sfidate le due nazioni. I nostri ragazzi non si fanno prendere dall’emozione e mantengono la calma fino all’ultima stoccata con Cassarà che chiude alla grande il nono intervallo con quel 45 che ci piace e ci fa mettere un altro oro nel medagliere. I tre campioni in gara: Baldini la grande conferma, Cassarà la dimostrazione del suo grande talento e la medaglia che finalmente arriva e per Avola una certezza: sarà ancora un grande protagonista nei prossimi anni. Non ci dimentichiamo Aspromonte: per lui la felicità di aver partecipato.

Da Londra arriva un’altra medaglia d’oro

Sulla squadra del fioretto, sia maschile che femminile, c’erano grandi aspettative e infatti gli italiani non hanno deluso. A dare la carica le ragazze che portano a casa il massimo risultato: primo, secondo e terzo posto nelle individuali e medaglia d’oro in finale. E gli uomini non sono da meno con la medaglia di Baldini e poi l’oro in finale. Si ripete la grande prestazione di Pechino ma si migliora:  in Cina furono due ori e cinque bronzi, qui invece di ori ce ne sono tre, e poi due argenti e altrettanti bronzi. E per la scherma italiana solo grandi soddisfazioni con le statistiche che ci parlano di una squadra davvero fortissima: da quando viene ai Giochi, l’Italia ha portato a casa  121 medaglie. Solo l’atletica statunitense è riuscita a fare meglio grazie all’atletica.

Che altro dire! Grazie a Baldini, Cassarà e Avola

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.