Google-Cina, governo blocca Gmail: è guerra

Che il governo cinese non ami particolarmente Google non è una novità. Siamo stati abituati in passato a dure polemiche e scontri sempre sul fronte telematico. Questa volta però la Cina l’ha fatta grossa soprattutto perchè è stata un’azione, almeno così sembrebbe, fatta in modo clandestino. Il servizio di posta offerto da google, Gmail, non ha funzionato in Cina per qualche giorno. Gli utenti hanno fatto notare il problema spiegando che riuscivano a inserire i dati dell’account ma una volta entrati non potevano fare nulla. Non riuscivano a leggere le mails, a inviarle o  a fare qualsiasi altra operazione.Ovviamente gli operatori di Google di fronte a un problema così diffuso hanno cercato subito di intervenire ma si sono subito accorti che il danno non era provocato dal servizio di posta. Il blocco veniva invece dal governo cinese. Ecco uno dei comunicati stampa rilasciati da Google:

“Per quanto ci riguarda non c’è alcun problema tecnico. Abbiamo verificato in modo approfondito. C’è un blocco governativo realizzato abilmente per far credere che il problema sia con Gmail.”

Secondo Google sarebbero stati degli hackers del governo cinese a creare queste disfunzioni. E quindi lancia le accuse. Sono anche molto altri tecnici a non spiegari il malfunzionamento: quasi tutti sono sicuri che il problema non dipenda dai server del colosso americano.

Ora non resta altro che attendere la risposta del governo cinese sempre che questa arrivi. Che tra Cina e Google non corra buon sangue come abbiai già detto è risaputo ma creare una disfunzione a tutti gli utenti, e non stiamo parlando di un centinaio ma di milioni, è davvero qualcosa che va ben oltre i limiti della censura.

One response to “Google-Cina, governo blocca Gmail: è guerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.