Apple risponde sul MacDefender

Ritorniamo a parlare di Apple. Giorni fa, in un articolo vi ho spiegato la differenza tra un virus, e un malware, come dicevo il virus, v’infetta senza il vostro permesso, il malware vi chiede il permesso. Sta di fatto che MacDefender pare abbia chiesto il permesso a circa 125 mila persone, che ignare del pericolo hanno tranquillamente accettato.
Di conseguenza, cosa fare una volta infetti? L’assistenza tecnica telefonica di Apple si è intasata di chiamate, di persone che chiedevano aiuto, su come rimuovere la minaccia.
Ignari di quello che accadeva in rete, Apple si è sbrigata a rilasciare un comunicato per i propri tecnici; “Non dovete confermare ne smentire la possibilità di un’infezione”, nel frattempo qualcuno a Cupertino, deve essersi messo a fare i compiti.

Oggi Apple ha rilasciato un nuovo comunicato, dove prende una posizione ufficiale, Apple fa sapere che a breve, sarà rilasciato un aggiornamento per il sistema operativo, che provvederà in automatico, alla rimozione del malware, e in caso l’utente si infetti volontariamente di nuovo, l’aggiornamento provvederà ad avvisarlo dei pericoli.
Apple nel comunicato, fornisce anche le istruzioni, per rimuovere la minaccia, che tra l’altro sono identiche a quelle da noi riportate nel precedente articolo.
Come sapete, tutto quello che è Apple, fa parlare molto, in questi giorni, infatti, si è riaperto il dibattito sulla sicurezza dei Mac, e su come Cupertino, stia intervenendo per mantenere la propria immagine in futuro.
E noto, che quando un’azienda si diffonde, di conseguenza aumentino le minacce, e l’attenzione dei programmatori di software malevolo.
Apple da sempre pubblicizza “i Mac non hanno i classici problemi di virus dei PC Windows”, vantaggio che negli anni, a permesso la vendita di centinaia di computer.
La nota positiva, è che MacDefender è poco più uno scherzo di cattivo gusto, e che Apple sul nuovo sistema operativo in questo periodo in sviluppo, stia avendo un occhio particolare per la sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.