Gmail cade, Google sospetta attacco Cina

Gmail di nuovo a richio: Google sospetta la Cina. Mentre il mondo guarda con occhi striminziti la sicurezza di Sony, che proprio in questi giorni è tornata a piene funzioni al 100%, Google è sotto attacco! Da Pechino infatti, sarebbe giunto un attacco così distruttivo da aver violato centinaia di caselle di posta elettronica.
Fortunatamente l’obiettivo non siamo noi civili, ma uomini politici, giornalisti, militari, attivisti contro la politica cinese, sarebbero in gran parte stati violati.

Tra Google e la Cina i rapporti sono complicatissimi, e Google aveva più volte minacciato di lasciare la Cina, proprio a causa dei suoi attacchi, che in buona parte partono direttamente dalla task force del governo.
Eric Grosse, attualmente a Capo della sicurezza di Google, si è subito affrettato dichiarando pubblicamente d’invitare i propri utenti a cambiare la propria password, anche se in realtà gli attacchi non erano mirati alla comune utenza.

Naturalmente le persone a cui è stato violato il proprio account, sono state immediatamente avvisate dell’accaduto.E mentre Google è sotto attacco, al Pentagono si discute di come rispondere militarmente agli attacchi hacker. La Difesa degli Stati Uniti, avrebbe studiato una strategia, per difendere le strutture più importanti del paese, tra cui reattori nucleari, metropolitane e oleodotti.
La strategia è molto aggressiva, e promette di rispondere con il fuoco a ogni attacco informatico subito, Washington è convinta che una tale strategia sia conforme alle regole internazionali.
E probabile che in un futuro non troppo lontano, la guerra non si svolga più sul terreno, ma passi attraverso il digitale. L’America infatti non è più intenzionata a subire attacchi di nessun tipo, ed è pronta a rispondere.

One response to “Gmail cade, Google sospetta attacco Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.