eCall per le chiamate d’emergenza: dal 2015 obbligatorio su tutte le auto

Gli incidenti sulla strada non mancano mai come non mancano mai le emergenze dovute a guasti delle auto e simili. A volte la cabina per chiamare il soccorso stradale è troppo lontana, il cellulare si è scaricato sul più bello, oppure siamo intrappolati nella vettura senza sapere cosa poter fare. Arriva la soluzione che farà dormire sonni tranquilli a tutti: si tratta dell’ eCall un dispositivo che permetterà di chiamare il soccorso dalla propria macchina in caso di emergenza. L’Unione Europea lancia la sfida e dal 2015 questo sistema di chiamata dovrà essere obbligatoriamente presente su tutte le vetture. Questo speciale dispositivo permetterà all’ automobilista di mettersi in contatto direttamente con il 112. Scopriamo di cosa si tratta.

eCall il dispositivo salvavita- dal 2012 tutte le auto dovranno essere fornite di questo speciale sistema che permetterà a chi è vittima di incidente o comunque è in difficoltà sulla strada di mettersi in contatto con il 112. Secondo le stime pare che questo strumento salverà più di 2000 vite all’anno. Questo dispositivo esiste da anni ma ogni casa automobilistica poteva scegliere se farlo rientrare tra gli optional oppure no. Così l’UE ha deciso di adottare il pugno di ferro e dal 2015 sarà invece obbligatorio.

Come funziona- L’eCall compone automaticamente il numero unico europeo di emergenza 112 in caso di incidente grave. Mette così in contatto la persona che sta a bordo della vettura con il centralino di soccorso dedicato. Viene subito comunicata l’ora dell’incidente, la posizione esatta del veicolo incidentato e la direzione di viaggio. Tutte queste informazioni vengono raccolte ed elaborate per intervenire nel minor tempo possibile.

La chiamata eCall può essere attivata anche manualmente. Sarà infatti installato sulla vettura un pulsante. In questo caso a chiamare potrebbe essere anche la persona che ha visto l’incidente e pensa di poter aiutare in qualche modo la vittima oppure la persona stessa che non riporta danni così gravi da non riuscire a schiacciare il bottone. Tutte le compagnie telefoniche dovranno fare in modo che la chiamata risulti gratuita e che abbia la precedenza sulle altre.

Nel frattempo vi ricordiamo che il 112 è il numero di emergenza valido in tutti gli stati dell’Unione Europea per cui in caso di bisogno non esitate a mettervi in contatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.