Modena, la zia che ha ucciso il suo nipotino diceva: “Devo salvare Giacomo”


E’ davvero una storia che lascia tutti basiti e senza parole quella che arriva da Modena e che da due giorni fa pensare. Che cosa sia passato nella testa di una donna che ha deciso di uccidere il suo nipotino di 5 anni e di togliersi poi la vita, non lo sapremo mai. Ma pare che, come diceva la mamma del bambino, la donna abbia agito con premeditazione. Ne sono convinte anche le persone che Silvia Pellicani, la conoscevano. Oggi raccontano quelli che sono “pettegolezzi” ma che in questa storia assumono dei contorni ben diversi. Silvia, secondo chi la conosceva, da tempo diceva che doveva salvare il piccolo Giacomo, che doveva portarlo via. Ma da chi e da cosa? Il piccolo aveva cinque anni e viveva con il fratello di Silvia e sua moglie. Una famiglia normale pare. Ma in questa storia i punti interrogativi sono tanti. E le domande senza risposta restano. Come resta ovviamente il grande dolore di una madre e di un padre che non hanno più il loro bambino.

HA UCCISO IL SUO NIPOTINO DI 5 ANNI: DICEVA CHE AVREBBE DOVUTO SALVARLO 

Le persone che conoscevano Silvia raccontano: “Era morbosamente attaccata a quel bimbo, lo amava, forse troppo, sosteneva di doverlo salvare, tempo fa aveva detto che lo avrebbe portato via con sè, ultimamente invece si era chiusa in se stessa e parlava meno di lui. Pensavamo che le cose in famiglia si fossero sistemate. Non avremmo mai immaginato un epilogo simile.”

E invece, come accade spesso quando si sta preparando un atto folle, la fase alla fase di silenzio è seguita la fase di azione. Le persone ascoltate, e intervistate poi anche dai giornalisti, hanno raccontato che Silvia diceva che suo fratello e sua cognata non le facevano vedere il bambino. Nessuno al momento sa quale sia il motivo, i genitori del piccolo Giacomo non ne hanno parlato e forse non lo faranno mai. La proprietaria del bar frequentato dalla donna, ha anche rilasciato delle interviste in tv. A Pomeriggio Cinque una amica di Silvia, Giorgia, ha dichiarato: “Questa donna non era una pazza, lei voleva salvare il piccolo che soffriva. Non era trattato bene in quella famiglia e lei voleva salvarlo. Io non credo neppure che si sia suicidata.”

Il piccolo Giacomo di certo non aveva nessuna colpa. Le forze dell’ordine indagheranno per capire cosa succedeva in questa famiglia. 

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close