Antonio Granata ha ucciso moglie e suocera a Massafra: ritrovato impiccato

Era iniziata nella tarda serata di ieri la fuga dell’asassino e l’epilogo è arrivato questa mattina. Dalla Puglia le ultime notizie che ci rivelano il finale di una storia che ci racconta ancora di due donne uccise da un uomo. E’ stato trovato morto suicida questa mattina il responsabile del duplice omicidio di ieri a Massafra, nel Tarantino. Si e’ impiccato Antonio Granata, 61 anni, di professione potatore. Nella tarda serata di ieri era iniziata la sua fuga da Massafra, dopo che aveva ammazzato in casa la moglie Carolina Bruno, di 65 anni, e la suocera Lorenza Addolorata Carano, di 92.

L’uomo si e’ ucciso a Palagiano, centro poco distante da Massafra.   Dopo aver ucciso la moglie e la suocera aveva anche chiamato le forze dell’ordine per denunciare il fatto ma non aveva aspettato l’arrivo degli agenti. Era scappato invece con la sua macchina. Poche ore fa il ritrovamento.

Antonio e sua moglie non avevano avuto figli. Tutto sarebbe cambiato, a detta dei vicini di casa e dei conoscenti, poco tempo fa. Il Granata e sua moglie avevano perso la casa dove vivevano che era finita all’asta e si erano ritrovati a vivere con la suocera. I litigi, secondo quanto raccontano i vicini, erano sempre più frequenti.

Ritrovato impiccato Antonio Granata: aveva ucciso sua moglie e sua suocera

Nel tardo pomeriggio di ieri Granata aveva ucciso moglie e suocera colpendole alla gola con un coltello e, si presume, anche un attrezzo da lavoro, come forbici o cesoie, e ferite alla testa.

Granata, senza precedenti penali, ha ucciso la moglie e la suocera Lorenza in un appartamento di via Leonardo Da Vinci. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che il Granata abbia ucciso le due donne che erano in camere diverse, colpendole più volte alla gola.

Ha utilizzato un coltello ma non si esclude che possa essere stato usato anche un attrezzo da lavoro, come forbici o cesoie. Dalle ultime notizie sembrerebbe che l’uomo abbia portato con se le armi usate per compiere questo duplice omicidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.