La fine del mondo è rimandata al 2116


Gli ansiosi potranno dormire sonni tranquilli. Sì perché la fine del mondo non sarà più nel 2012, e cioè il prossimo anno. Pare che la profezia Maya indicasse invece il momento tragico nel 2116.

A dare la bella notizia sono i due fratelli Bohumil e Vladimir Böhm, rispettivamente un matematico e un docente di storia e cultura Maya. Nei loro studi incrociati, si sono accorti di un errore nell’interpretazione del calendario Maya. Infatti questo popolo era talmente ossessionato dai numeri, da usare diversi calendari: quello religioso di 260 giorni e quello agricolo di 365 giorni. Inoltre le loro settimane erano di 9 giorni. E poi c’era il cosiddetto ciclo lungo, fatto di 1.872.000 giorni. Quindi è molto complesso effettuare collegamenti tra questi calendari e il nostro, confrontando date, avvenimenti e fonti.

Alla luce degli studi effettuati dai due fratelli, sarebbe emerso un errore compiuto da John Eric Sidney Thompson, l’archeologo che per primo si è occupato parallelamente dei due sistemi, colpevole di non aver considerato un lungo periodo d’interruzione nel calendario Maya, dovuto ad una guerra che bloccò anche il conteggio dei giorni.

Quindi, i calcoli che avevano portato a datare l’apocalisse per il 21 dicembre 2012, data molto vicina, sarebbero errati: l’anno in cui ci sarà la fine del mondo è il 2116. Questo è quanto riscontrato da Bohumil e Vladimir Böhm.

La notizia farà quindi contenti tutti: possiamo stare sereni, ed evitare momenti di panico in prossimità della data che ci era stata proposta. A quanto pare non saremo noi a vedere la fine del mondo.

Assunta De Rosa


Leggi altri articoli di Curiosità

3 commenti su “La fine del mondo è rimandata al 2116”

  1. federuca
    30 Agosto 2011

    tutte stupidaggini io non credo alla fine del mondo

    • ANTONIA ROSATO
      11 Ottobre 2015

      RAGAZZI, STATE ATTENTI, PERCHE’ LA FINE E’ VICINA.

      • ANTONIA ROSATO
        11 Ottobre 2015

        RAGAZZI, STATE ATTENTI, PERCHE’ LA FINE E’ VICINA.

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close