Il principe Harry commuove parlando del vuoto immenso lasciato da sua madre

Era l’agosto del 1997 e Lady Diana dopo un tragico incidente d’auto morì lasciando per sempre i suoi adorati figli Harry e William. Entrambi davanti al mondo intero nel giorno dei funerali non mostrano nemmeno una lacrima, dovevano essere forti, ma quel vuoto lasciato dalla loro mamma lo sentano ancora forte e questa volta è il principe Harry a raccontare, a parlare di sua madre. Harry non aveva ancora 13 anni quando Lady Diana morì e dopo un periodo non proprio tranquillo adesso segue le sue orme in campo umanitario. Confida che in questo modo cerca di colmare il vuoto che ha lasciato.

Tra le pagine del magazine People le parole di Harry d’Inghilterra suonano come il desiderio e la forza di poter finalmente dire quanto dolore lui e suo fratello hanno provato: “Quando è morta si è creato un vuoto, non solo per noi, ma anche per una quantità enorme di persone in tutto il mondo – Harry prosegue – Se posso cercare di riempire una parte molto piccola di questo vuoto, il lavoro sarà fatto. Dovrò passare il resto della mia vita a cercare di riempire per quanto possibile quel vuoto. E sarà così anche per mio fratello William“. Il secondogenito di Carlo e Diana è molto impegnato nel sociale e dopo aver rilasciato l’intervista a People è volato negli Stati Uniti per gli Invictus Games, giochi riservati ai reduci e mutilati di guerra. Sente il bisogno di aiutare gli altri proprio come faceva sua madre e confida: “Mi diverte quello che faccio, ma non faccio le cose perchè penso che mia madre vorrebbe le facessi. Inevitabilmente però una volta che le faccio penso: ‘Sai cosa? Forse le piacerebbe”. E alla fine conferma che fa tutto questo perché vuole che Lady D sia orgoglioso di lui: “Ho sempre voluto questo, che sia incredibilmente orgoglioso di me”.

Kate Middleton sulla copertina di Vogue in omaggio a Lady Diana – clicca qui 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.