Al Bano confida come sta Jasmine: “E’ dura vederla in quelle condizioni”

Jasmine Carrisi, la figlia di Al Bano, ha contratto il covid, è stata lei a rivelarlo e oggi il cantante spiega come sta e aggiunge che per fortuna aveva già fatto la prima dose di vaccino. E’ ovviamente preoccupato Al Bano, gli dispiace vederla isolata da tutti e con i sintomi tipici di questo virus. Jasmine ha intanto aggiornato i suoi follower dicendo che sta meglio e l’artista di Cellino San Marco all’Adnkronos ha spiegato che non sta bene per una serie di motivi, tutti comprensibili. Jasmine Carrisi ha 20 anni e per lei è molto dura, suo padre spiega che l’hanno dovuta isolare da tutti, che ha la febbre a 38 anni, un po’ di tosse ma che è dura vederla in quelle condizioni. 

COME STA JASMINE CARRISI?

“Jasmine non sta bene. L’abbiamo dovuta ‘segregare’ e per una ragazzina di 20 anni è molto dura. Ha la febbre a 38, è spossata e ha un po’ di tosse, le cose tipiche di questo maledetto virus – ha commentato Al Bano aggiungendo – Se non avesse fatto neanche la prima chissà come starebbe oggi”. Le ovvie preoccupazioni di un padre: “E’ dura vederla in quelle condizioni, aggredita da un microbo contro cui non puoi fare nulla. Il vaccino è la salvezza dell’umanità”.

Carrisi approfitta per un messaggio rivolto a tutti: “Leggo che alcuni no-vax, dopo essere stati colpiti dal virus, ora fanno appello a vaccinarsi. Ognuno è libero di vivere e morire come gli pare e piace però questo non può influenzare l’andamento dell’umanità”. E’ ovviamente d’accordo con il Green Pass e ricorda le lunghe file di 70 anni fa. Lui aveva 8 anni: “Mi vengono in mente quelle lunghe file di 70 anni fa vicino alla scuola di Cellino San Marco con un dottore in testa che ci faceva a tutti il vaccino del vaiolo, avevo 8 anni. Fu così che ci salvammo dal vaiolo!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.