Portano via troppi tovaglioli, dovranno pagare 10 cent al pezzo

Come sempre cerchiamo qualche notizia curiosa o meglio strana che possa interessare i nostri lettori. La notizia strana di oggi arriva dall’Italia e più precisamente da Milano. Si tratta dei tovaglioli: un ristoratore ha notato che la gente ne porta via troppi e allora ha deciso che d’ora in poi dovranno pagare 10 cent al pezzo.

Il gestore giura di voler solo dare un segnale, e possibilmente sensibilizzare la gente, anche per motivi di rispetto per l’ambiente:  d’ora in poi i tovaglioli di carta non saranno più gratuiti, ma la clientela sarà tenuta a pagare un prezzo di 10 centesimi cadauno. “La gente ne prende a mazzi” sottolinea il titolare del ristorante self-service, situato in pieno centro a Milano. “I dipendenti pubblici portano via anche i bicchieri di plastica, in grande abbondanza, e se noi proviamo a fare qualche osservazione, ci rispondono che “anche in ufficio noi dobbiamo bere”. Così, il sig.Cappellano (questo il nome dell’esercente) ha deciso di ricorrere a questo rimedio.

Non si sa se per il momento sia soltanto una piccola “provocazione”, tanto per dare un segnale, per incentivare la gente a comportarsi con un po’ più di buon senso e di buona educazione, virtù che, in effetti, a volte sembrerebbero merce di altri tempi.  Fatto sta che l’iniziativa è già stata attuata, e pare che i clienti, dopo un’iniziale perplessità, abbiano capito e si siano presto abituati. “A parte che noi i tovaglioli li paghiamo” , fa sapere Cappellano, “l’idea è anche di contenere gli sprechi”. Sinceramente non si può dire che l’idea sia sbagliata. Chi di noi non ha notato dove spesso vanno a finire salviette e bicchieri di carta? Sovente nelle pubbliche aiuole, sui marciapiedi, agli angoli delle strade, spesso anche in luoghi dove poi rimangono lì per settimane, perchè magari sono luoghi di difficile accesso per i netturbini. E’ un principio sacrosanto che, visto che la città è di tutti, si contribuisca tutti quanti a non sporcarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.