Uomo trova scarafaggio in una caramella Nestlè


Nessuno di noi vorrebbe avere una sorpresa del genere scartando una caramella. Ma a qualcuno è capitato. Costui è Glenn Franchi, 37enne. Aveva appena comprato delle caramelle per la gola della Nestlè. Stava per mangiarne una, quando ha avuto una disgustosa sorpresa: nella caramella c’era uno scarafaggio incastonato.

L’uomo, oltre al disgusto, ha provato anche tanta rabbia per la scoperta fatta. E’ quindi andato a mostrare l’accaduto alla persona che gli aveva venduto le caramelle. Ma naturalmente il rivenditore non è in alcun modo responsabile di ciò che avviene al momento del confezionamento dei prodotti nelle grandi aziende.


Quindi Glenn Franchi ha deciso di contattare il servizio clienti della Nestlè. Quest’ultima però si è innanzitutto preoccupata di far sì che l’uomo non raccontasse in giro la scandalosa vicenda dello scarafaggio trovato in una caramella, pregandolo così di non dare la notizia in pasto ai media. La Nestlè ha quindi tentato di corrompere l’uomo con un modesto risarcimento in denaro affinchè tenesse la bocca chiusa. Pare però che la Nestlè abbia fatto sapere tramite un suo portavoce di voler riavere la caramella per effettuare accertamenti sul caso.

Ma ciò che ci lascia allibiti è il fatto che qualcuno avrebbe potuto ingerire la caramella senza guardarla, non accorgendosi così della presenza dello scarafaggio. Ma l’azienda pensa solo a salvaguardare i propri interessi, preoccupandosi per lo più di mettere a tacere lo scandalo che avrebbe potuto causare una tale negligenza.

Il nostro augurio è che nessun altro debba imbattersi con uno scarafaggio o qualsiasi altro tipo di insetto in una caramella che dovrebbe alleviare il mal di gola, e non toglierci l’appetito.

A.D.


  • Tag

1 commento per “Uomo trova scarafaggio in una caramella Nestlè”

  1. 15 Aprile 2011

    […] Uomo trova scarafaggio in una caramella Nestlè | Ultime Notizie Flash […]

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close