Il gatto Tommaso eredita 10 milioni di euro

Non abbiamo dovuto cercare questa notizia strane nei blog che molto spesso si occupano di questi argomenti. Abbiamo semplicemente sentito la notizia al telegiornale. Ne hanno parlato al Tg 5: un gatto è diventato milionario. Si tratta del simpatico micio Tommaso che per anni ha vissuto con la sua padrona, una signora romana molto abbiente, che a quanto pare era davvero molto affezionata al suo gattino. Sapete infatti quanto ha donato il suo gatto, specificando per bene nel testamento che tutti i suoi averi vano a lui? Tommaso a questo punto diventa sicuramente il micio più ricco del mondo: per lui infatti c’è una bella e consistente eredità. Si tratta di una somma che si aggira più o meno intorno ai 10 milioni di euro. Ma come spenderà Tommaso tutti questi soldi? Ecco tutti i dettagli di questa bizzarra storia.

Il gatto Tommaso diventa milionario: per lui una ricca eredità

La sua padrona doveva volergli davvero molto bene e lui sicuramente le ha fatto sempre molta compagnia visto che la donna da anni aveva nominato Tommaso suo erede. La signora possedeva diversi appartamenti sia a Roma che a Milano ma non solo, basti pensare che il valore della sua eredità si aggira intorno ai 10 milioni di euro. Nel testamento si specifica che dovranno essere dati al suo gatto o meglio, a chi si prenderà cura di lui. E non sapeva che avrebbe avuto questa fortuna l’infermiera che alcuni mesi prima che la donna morisse aveva iniziato a prendersi cura del gatto. All’infermiera va l’eredità che non potrà comunque esser spesa per cose personali ma dovrà essere distribuita per i bisogni del gatto e anche per cose similari. Una parte di denaro infatti dovrà andare a varie associazioni per gli animali. In ogni caso l’infermiera che ora ha portato Tommaso nella sua casa un piccolo guadagno lo ha avuto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.