Cristian Imparato si mostra tumefatto, si è rifatto dal viso all’addome (Foto)

Cristian Imparato si è rifatto, questa volta ha dato davvero una bella ritoccatina al viso, all’addome, al collo, una chirurgia estetica che fa parlare. Le foto di Cristian Imparato dopo i ritocchi sono sul suo profilo Instagram; nelle stories mostra la noia, il gonfiore, le ore passate disteso in attesa che il gonfiore vada via. Tutti liberi ovviamente di ritoccare ciò che desiderano ma in tanti si chiedono se davvero il ragazzino che ha vinto Io Canto ne avesse bisogno. Tumefatto ma soddisfatto, Imparato commenta che è andata e che quella che mostra è la sua foto peggiore ma non prova alcuna vergogna. Giusto, non c’è niente di cui vergognarsi ma perché la liposuzione al viso, all’addome, ai fianchi, al collo.

CRISTIAN IMPARATO LA LIPOSUZIONE DAL VISO AI FIANCHI 

“Mi sono ‘rifatto’ al contrario per sgonfiarmi. Volevo avere un aspetto più naturale possibile. Adesso mi aspettano dei giorni di convalescenza…un paio di giorni di riposo. Devo stare tranquillo”. In molti non comprendono la sua scelta ma tra i commenti spunta un amico che forse rivela il vero motivo: “Se avessi potuto fare la stessa cosa post cortisone/crohn l’avrei fatto… forza”. La risposta di Cristian è una conferma: “Tu che mi capisci. Dovrebbero farti santo”.

No, non tutti capiscono la sua decisione tra questi c’è Guendalina Canessa: “Qualsiasi cosa tu abbia fatto… non be avevi bisogno”. Immediata qui la difesa contro la Canessa: “Detto da te poi.. da quella che non conosce i chirurghi estetici e non sa neanche come sono fatte le protesi”.

Chissà se in tv prima o poi Imparato racconterà il perché della sua scelta. Intanto tra le storie Instagram sottolinea che è tutto sotto controllo, di lui si occupa il compagno che continua a passargli il ghiaccio sul volto. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.