25 novembre 2017 Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne: la programmazione Rai


Una giornata da segnare sul calendario, anche se tutti i giorni sono buoni per ricordare quanti casi di violenza sulle donne ci sono in Italia e nel mondo. Violenza a tutte le latitudini. Il tempo porta dei cambiamenti, le leggi migliorano ma purtroppo l’ondata di violenza contro le donne non cede. Il 25 novembre 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne: la data del 25 novembre non è casuale, perché fu in quel giorno, nel 1960, che Patria, Minerva e Maria Mirabal, nome in codice Mariposas (le Farfalle) furono catturate, torturate e uccise da agenti del servizio di informazione militare del regime di Rafael Leònidas Trujillo, il dittatore che per oltre 30 anni governò la Repubblica Dominicana come un padrone assoluto, causando, in quel periodo, oltre 50mila morti tra i suoi oppositori. La Rai per il 25 novembre 2017 dedica l’intera programmazione della giornata al tema, iniziando da La vita in diretta che il 24 novembre ha ospitato Lucia Annibali che ancora una volta ha portato sul piccolo schermo la sua testimonianza con la speranza che le altre donne, ascoltando le sue parole, riescano a sconfiggere il male.  In questa giornata speciale, sui social, verrà rilanciato l’hashtag#sbloccailcoraggio, scelto quest’anno dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, il cui messaggio centrale è il coraggio di denunciare gli abusi e le violenze, chiamando il numero 1522 (sbloccailcoraggio.it).

LA PROGRAMMAZIONE DELLA RAI NELLA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Sabato 25 novembre, nel corso dell’intera giornata, parte della programmazione, su tutti i canali TV e Radio sarà dedicata al tema della violenza contro le donne.

Per dire basta.
Tratteranno l’argomento, in particolare, su Rai1 “Uno mattina in famiglia”, in onda dalle 8.25 e “Sabato italiano”, in onda dalle 15. Tutta la prima serata di Rai1, poi, sarà dedicata al tema. Alle 21.30, andrà in onda la fiction “Io ci sono”, seguita, subito dopo, da una puntata speciale di “Petrolio”. Duilio Giammaria farà il punto sulla situazione della violenza sulle donne in Italia con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi e con Lucia Annibali, l’avvocato di Urbino la cui drammatica storia, raccontata nella fiction, è l’emblema del coraggio e della forza di ricostruirsi una vita. In studio anche lo psichiatra Raffaele Morelli, il magistrato esperto in violenze di genere Fabio Roja e Linda Laura Sabbadini, pioniera della statistica sociale e di genere. “Petrolio” incontrerà Gessica Notaro, sfregiata dall’ex compagno con l’acido, appena insignita Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica per il coraggio e la determinazione della sua testimonianza. 

E poi, in esclusiva, le telecamere di “Petrolio” raccoglieranno la confessione di un uomo autore di violenze seriali, che ha scelto di chiedere aiuto. Per rispondere alla domanda se sia possibile perdonare, infine, “Petrolio”, attraverso la testimonianza della madre, ricostruirà la vicenda di Veronica Abbate, uccisa a soli 19 anni dall’ex fidanzato.
Rai2 affronterà il tema all’interno della trsmissione “Mezzogiorno in famiglia”, in onda alle 11.00, mentre Rai3 dedicherà all’argomento una puntata monotematica di “Blob”, alle 20.00. RaiMovie trasmetterà, alle 14.00, “La ciociara”, il film del 1960 diretto da Vittorio De Sica, che valse l’Oscar come miglior attrice protagonista a Sophia Loren, interprete assieme a Jean-Paul Belmondo e a Raf Vallone, mentre RaiPremium manderà in onda, alle 23.30, il film “Mai per amore – La fuga di Teresa”, con Stefania Rocca, Alessio Boni e Nina Torresi. RaiStoria, invece, trasmetterà alle 8.50, alle 15.00 e alle 20.00 “Diciamo basta”, il documentario realizzato da Rai Educational con il supporto del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e alle 19.00 “Una giornata particolare – Dacia Maraini.

Commenta l'articolo