Caterina Balivo dopo la notte insonne per Cora arriva distrutta a Vieni da me (Foto)

Capita spesso alle mamme di non dormire di notte e questa volta è capitato a Caterina Balivo: una notte insonne perché sua figlia Cora vedeva lupi in cucina e si è svegliata mentre tutti dormivano (foto). Il risultato è quello che la conduttrice aveva già previsto e anticipato su Instagram: sarebbe arrivata distrutta in trasmissione. In realtà seguendo come sempre Vieni da me anche oggi la Balivo ci è sembrata in gran forma, anche se come previsto ha sbagliato un po’ di finali, è lo scherzetto che le fa ogni volta la stanchezza. E’ la più social di tutte le conduttrici televisive e alle 2 stanotte infatti in pigiama nel suo letto raccontava ai follower che Cora non ne voleva sapere di riaddormentarsi e che aveva appena portato suo marito in cucina perché c’era un lupo. Il suo timore era proprio la puntata di oggi di Vieni da me con ospiti Beppe Bergomi, la Mazzamauro e altri.

CATERINA BALIVO IN STILE ANNI ’70 A VIENI DA ME

“Mia figlia questa notte non voleva dormire” ha commentato già pronta nel suo camerino dopo i primi passaggi prima della diretta di Vieni da me. Dopo il terzo caffè però era ancora distrutta, questo secondo lei perché la realtà è che anche senza riposo è sempre perfetta. Sarà in parte anche merito del trucco ma per aggiungere un po’ di allegria ha scelto un abito delizioso.

L’abito rosso e bianco e gli stivali abbinati sono piaciuti molto al pubblico, ai follower. “Ammetto che dormire poco mi rende pazzerella” ha commentato poco fa pubblicando sul suo profilo Instagram una foto con l’abitino del giorno. Sempre Caterina Balivo ha spiegato che sua figlia non stava benissimo, ha poi capitato che aveva mal di gola. Cora stasera dormirà? Lo sapremo presto, informati come sempre dalla conduttrice.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.