Paola Perego a Io e Te, la mancanza di autostima che nessuno ha mai capito (Foto)

Seconda settimana di Io e Te e Paola Perego è la prima ospite di oggi, parla di solitudine, la conosce bene ma ne era terrorizzata, non faceva nemmeno una doccia se non c’era qualcuno in casa, non dormiva se a casa non c’era qualcun altro. Inizia a raccontare dei suoi attacchi di panico, dopo l’uscita del suo libro confida tutto, continua a parlarne. Come ha fatto Paola Perego a tenere nascosti i suoi attacchi di panico mentre lavorava? Una sola volta le è accaduto, era il 1986 e doveva presentare Tracy Spencer, è uscita sul palco, dopo una presentazione sbagliata si è paralizzata, la fortuna è che non era in diretta, l’hanno presa e portata dietro le quinte, quando è passata è tornata sul palco. Da quel giorno ha pensato che non sarebbe più andata in onda o in scena senza l’aiuto di un farmaco. 

PAOLA PEREGO, LA SUA FAMIGLIA UMILE CHE NON DIMENTICA MAI

“Colleghe e colleghi l’hanno saputo quando hanno letto il libro…”, nessuna negli anni ha mai capito la sua sofferenza, nemmeno sua sorella a cui è così legata. “L’unico è stato Lucio che non ha avuto attacchi di panico ma ha saputo capirmi”. La Perego non dimentica mai di parlare delle sue origini, della sua famiglia: “Non avevamo molte possibilità, una casa piccola e la difficoltà di arrivare a fine mese. Mamma casalinga, papà falegname, se serviva qualcosa bisognava mettere i soldi da parte per comprarlo”. Poco affetto ma non per mancanza d’amore, i baci e li abbracci da sua mamma li riceve oggi. 

Cosa le mancava, perché aveva gli attacchi di panico? Questo pensava lei, questo pensavano gli altri mentre le mancava il respiro e pensava di poter morire. “Non avendo autostima mi sentivo sempre meno rispetto agli altri, io ero piccola… come potevo relazionarmi con quelle persone…” lo confida oggi che la cattiveria non la tocca più, nemmeno i commenti di chi pensa che sia raccomandata da suo marito. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.