La paura di perdere il figlio: Francesca Neri lo vedeva cambiato

Il dolore fisico che provava Francesca Neri si aggiungeva alla paura di perdere il figlio, Rocco, al dolore di vedere suo marito, Claudio Amendola, stare male. E’ a Verissimo che domani 3 ottobre Francesca Neri racconterà tutto ma della sua sofferenza in questi giorni si è già parlato tanto. Riflettori accesi proprio dall’attore ma solo perché Francesca era pronta a parlarne in pubblico, perché è in uscita il suo libro “Come carne viva”. Lei ha dovuto abbandonare le scene e Amendola ha fatto di tutto per aiutarla: “E’ un uomo meraviglioso” ha confidato ma quando stava male ha pensato di allontanarlo, la stessa cosa che avrebbe voluto fare con suo figlio Rocco. Da donna così forte, presente, attenta a tutto, a una donna che soffriva di continuo.

Francesca Neri a Verissimo: “Questa malattia mi ha costretta a guardarmi dentro e a prendere atto del mio lato oscuro”

La cistite cronica interstiziale, sconosciuta a molti ma che ha segnato Francesca Neri e la sua famiglia. Ha imparato a convivere con questa malattia, ad ascoltare il suo corpo per non stare così male ma c’è voluto tempo.

“È un uomo meraviglioso, ha detto che il suo compito era starmi vicino, ma non era scontato” sono le parole dell’attrice. “Vedevo la sua difficoltà e il suo dolore e mi faceva male. Volevo allontanarlo per proteggerlo, invece lui c’è sempre stato”.

Accanto al dolore di vedere Claudio Amendola stare male si aggiunta la paura di perdere suo figlio. Una madre che cambia, che soffre con dolori continui, atroci: “Ho avuto paura di perderlo, temevo che gli rimanesse impressa quell’immagine di sua madre, lo vedevo cambiato”. Oggi hanno un bellissimo rapporto, sono una bellissima famiglia ma questi anni sono stati duri. Potremo seguire l’intervista integrale di Francesca Neri domani 3 ottobre a Verissimo su Canale 5.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.