Harry racconta dopo la morte di Lady D ha nascosto le emozioni per venti anni (Foto)


Harry d’Inghilterra aveva solo 12 anni quando Lady Diana è morta, oggi ne ha 32 e per un lunghissimo periodo, per ben venti anni, ha messo a tacere le sue emozioni. Il principe Harry lo rivela solo adesso perché in realtà è da poco tempo che è riuscito ad elaborare quel dolore, a tirare fuori le lacrime (foto). Ad aiutarlo suo fratello William che più volte gli aveva suggerito di rivolgersi ad un professionista, di entrare in terapia, di accettare che aveva bisogno di aiuto. “Vai avanti e non lasciare mai che le emozioni facciano parte di qualsiasi cosa” Harry confida che era come se questa frase fosse al centro della sua vita. Dopo la tragica morte della principessa Diana ha messo la testa sotto la sabbia rifiutando di pensare a lei, negando a se stesso che della sua mamma aveva bisogno e che quel dolore andava gestito.

Il principe Harry confida in un’intervista al Telegraph: “Ho messo la testa sotto la sabbia, mi rifiutavo di pensare a lei.  Perché mai avrei dovuto farlo? Perché avrebbe dovuto aiutarmi? Ricordarla mi faceva solo sentire triste e non l’avrebbe riportata indietro”. 20 lunghissimi anni di silenzio che l’ahhno portato più volte vicino ad un esaurimento nervoso. Dopo due anni di caos totale, ha raccontato, di avere chiesto aiuto ed è entrato in terapia: “A volte è più semplice parlare con uno sconosciuto e non c’è niente di male nel farlo. Ti siedi sul divano e basta dire: “Non ho bisogno di consigli, puoi solo ascoltarmi?”.

Ad aiutare Harry anche la boxe, così ha gestito l’aggressività, il comprensibile desiderio di colpire qualcuno. “Ora prendo la vita privata seriamente e metto lacrime, sudore e sangue nelle cose che davvero possono fare la differenza” e spera che sua madre sia orgogliosa di lui. Il suo impegno per le cause umanitarie l’ha ereditata da sua madre, è il modo forse per sentirla più vicino, per portare avanti ciò a cui lei teneva davvero. Erano immagini bellissime quelle di Lady Diana con i suoi figli; poi arrivarono quelle orribili di William ed Harry dietro la sua barra senza una lacrima da poter versare.

Commenta l'articolo